Maxi-sequestro di macchinari in via Bologna

E’ scattato il sequestro preventivo dei locali e di oltre 40 macchinari produttivi in due laboratori di via Bologna.

Stamani personale dell’Unità edilizia e contrasto al degrado urbano della Polizia municipale ha ultimato la bonifica di un complesso immobiliare che ospita una decina di confezioni gestite da cittadini di origine cinese.

L’intervento ha così completato il controllo eseguito giovedì scorso dalla squadra interforze, durante il quale erano state identificate circa 70 persone scoprendo una ventina di clandestini, accompagnati in Questura per le procedure di espulsione.

Stavolta la Polizia municipale, intervenuta per controllare due ditte, ha verificato il regolare possesso di documenti di soggiorno, ma ha constatato una situazione igienico-sanitaria degradata, oltre a stanze e soppalchi destinati alla dimora dei lavoranti, completamente abusivi. Da qui il sequestro preventivo dei locali e delle taglia e cuci. I proprietari, entrambi cittadini italiani, sono stati richiamati sul posto e nominati custodi degli immobili sequestrati.

Con questo intervento la zona di San Martino, prima interessata da reclami e proteste per il via vai notturno ed i rumori prodotti dalle lavorazioni a ciclo continuo, è stata interamente riportata alla normalità grazie ad una nuova modalità operativa delle forze dell’ordine, che prevede il recupero di zone omogenee con il controllo a tappeto di tutte le attività presenti nell’area.

Commenti

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*