“Aiuto, è venuta la mafia cinese”
Arrestati a Prato due rapinatori

Quattro rapinatori cinesi sono stati arrestati questa mattina, tra Bologna e Prato, dai Carabinieri del capoluogo emiliano in collaborazione col Comando Provinciale pratese. I banditi sono stati identificati come gli autori di una rapina a mano armata avvenuta lo scorso novembre alla periferia di Bologna, in occasione della quale venne arrestato in flagranza di reato un quinto complice, un altro cinese di 36 anni. Un commando di otto uomini armati di pistola e machete avevano fatto irruzione in un ingrosso di abbigliamento, gestito da due coniugi cinesi, che hanno temuto di essere stati presi di mira dalla mafia cinese. I banditi avevano picchiato e ferito l’uomo (che finì all’ospedale con tagli alle mani e una lesione a un rene) e sequestrato le due figlie minori, per poi fuggire con un bottino di 5.000 euro. A Prato i carabinieri hanno arrestato due componenti del commando, che si nascondevano in un laboratorio tessile gestito da connazionali. Le indagini proseguono per identificare i tre complici ancora a piede libero e stabilire eventuali responsabilità della banda in altre rapine a connazionali.

Commenti

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*