Lunedì di Pasqua, tutto quello
che c’è da fare in città

Tante iniziative in città per questo lunedì di Pasqua.
A cominciare dall’arte, con l’apertura festiva (10/13 – 16,30/19,30) della mostra “Prato, echi preziosi – Donatello, Lippi e capolavori del Sacro”, allestita al Museo dell’Opera del Duomo e al Museo di Pittura Murale.
Promossa dalla Diocesi di Prato, dal Comune di Prato e dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Prato, permette di riscoprire un gioiello assoluto della scultura rinascimentale, il capitello del pulpito di Donatello e Michelozzo, tornato in città dopo un lungo restauro. Accanto al bronzo, il prezioso Crocifisso di Filippino Lippi, recentemente acquistato dal Comune di Prato, il polittico di Mariotto di Nardo, acquistato in anni recenti dalla Fondazione e anch’esso da poco  restaurato, oltre ai 20 rari setini di Gregorio Pagani, che escono per la prima volta dal Monastero di San Clemente.

Per chi non l’avesse ancora visti o volesse tornare ad ammirarli, in Duomo oggi è possibile per l’intera giornata visitare gli affreschi di Filippo Lippi, con le storie di San Giovanni e Santo Stefano, uno dei principali capolavori pittorici del Rinascimento. Orario: 10-17; 13-17.

Usciti dal Duomo si può fare un salto a Palazzo Banci Buonamici, per un tuffo nell’arte contemporanea.Nella sede della Provincia, infatti, è allestata l’esposizione “Regali/Opere del Museo Pecci nel cuore di Prato”. Dalle 9 alle 12 e dalle 16 alle 19 si possono ammirare i lavori di tredici artisti. All’ingresso la scultura in bronzo policromo di Mimmo Paladino e Sylvie Fleury, autrice di un’originale analisi dei meccanismi di consumo legati al sistema della moda. L’ingresso alla mostra è gratuito.

Appena fuori dalle mura si puà invece immergersi nell’atmosfera affascinante del Museo di scienze planetarie (Via Galcianese 20/h), aperto in via straordinaria il pomeriggio dalle 15 alle 19 con biglietto di ingresso ridotto (2,50 euro) e gratuito per i bambini sotto i 6 anni.

Per chi volesse stare nella natura, invece, si può fare un salto al Centro di Scienze Naturali, in Galceti (dalle ore 14,30 alle ore 19,30 e alle ore 17). Proseguendo nelle celebrazioni dei 150 dell’unità d’Italia, è in programma una visita guidata da Deanna Tozzi sul tema del Corbezzolo in quanto questa pianta presenta tutti i colori presenti nella nostra bandiera italiana: il verde delle foglie, il bianco dei fiori ed il rosso dei suoi frutti con le dolci corbezzole. Durante questa full immersion nella natura si potranno scoprire i diversi nidi degli aironi cenerini sulle piante di pino ed assistere all’indirivieni dei genitori che portano il cibo nelle bocche spalancate dei piccoli.  Ingresso al Centro 5 euro. Prenotazioni per la visite guidate al 0574/460503.

Commenti

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*