Scoperto un Bancomat clonato, i suggerimenti anti-truffa della Questura

Un bancomat manomesso è stato scoperto dalla polizia sabato pomeriggio ad uno sportello automatico di una banca nella zona Nord della città. Gli agenti delle volanti, intervenuti in seguito a una segnalazione, hanno trovato all’interno dell’apparecchio un congegno applicato con lo scopo di rilevare i dati e clonare i bancomat. Il dispositivo, composto da un microfono e una piccolissima telecamera alimentati da due batterie, è stato sequestrato ai fini del proseguimento delle indagini.

Al fine di prevenire il fenomeno della clonazione di carte di credito e carte bancomat, la Questura di Prato rivolge agli utenti alcuni suggerimenti:

Allo sportello:
• Verificare che alla fessura dove viene inserita la carta bancomat non siano applicati
profili aggiuntivi posticci, ovvero non perfettamente aderenti alla struttura dello sportello;
• Verificare che nell’apposita fessura per l’introduzione di auricolare per non udenti e,
comunque, in altre parti dell’ATM non siano inseriti dispositivi ottici quali telecamere per
riprendere la digitazione del codice;
• Verificare che non vi siano false tastiere;
• Verificare che non ci siano graffi o scalfiture o ammaccature sul perimetro della
tastiera, che potrebbero essere state inavvertitamente procurate dai malviventi al
momento dell’inserimento della falsa tastiera.

Precauzioni e accorgimenti da adottare quando effettuate una qualunque
operazione presso lo sportello automatico della banca:

Diffidare di sconosciuti disposti ad aiutarvi ad eseguire le operazioni;
Quando inserite il codice Pin, è consigliabile celare il codice che si sta per digitare(ad esempio utilizzando la mano libera o un foglio di carta o il portafoglio o altro) in modo da evitare eventuali riprese da telecamere montate sull’ATM e comunque adottare tutte le misure atte a impedire che qualcuno possa vedere il PIN digitato. Se sbagliate per 3 volte consecutive la digitazione del PIN la carta verrà trattenuta all’interno dello sportello. In questo caso avvisate la banca che provvederà a ridarvi una nuova carta. Se la carta si inceppa nell’apparecchio di prelievo, non abbandonate per nessun motivo lo sportello, fino a quando non siete riusciti a comunicare alla banca/circuito il blocco della vostra carta perché molto probabilmente l’inceppamento è di origine dolosa! Il malvivente potrebbe essere appostato nei paraggi e con un abile stratagemma potrebbe approfittarne per sottrarvi la tessera ed effettuare un prelievo a Vostra insaputa; Se vi accorgete che il trascinamento della carta nell’apposita fessura, sia in entrata che in uscita, avviene con un movimento discontinuo, detto “a tremarella”, non preoccupatevi! Si tratta di un ulteriore sistema di protezione della carta. Questo accorgimento è stato studiato per evitare che i dispositivi di clonazione della banda magnetica possano leggere il dato con facilità.

Commenti

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*