Censimento 2011: in via Pistoiese segnalati vari questionari buttati nei cassonetti

Questionari Istat riguardanti il Censimento 2011 gettati nei cassonetti della spazzatura. Nella cosiddetta Chinatown pratese sono stati segnalati diversi casi del genere. “Il censimento non è una scelta che si può fare liberamente, è un’obbligo per tutti i cittadini” ricorda l’assessore all’integrazione Giorgio Silli che, insieme alla collega Anna Lisa Nocentini, nelle scorse settimane ha incontrato i rappresentanti delle comunità straniere e il console cinese a Firenze, proprio per sensibilizzare gli immigrati a compilare i test ed informarli sugli adempimenti e le sanzioni per coloro che non ottemperano a questo obbligo. Il Censimento nazionale è un obbligo di legge, anche per gli stranieri, e la mancata compilazione o restituzione del questionario comporta gravi sanzioni di tipo pecuniario e amministrativo, compresa la perdita della residenza, che per gli immigrati potrebbe tradursi anche in ulteriori controlli che getterebbero ombre sui titoli di soggiorno. “Il Censimento è uno strumento fondamentale per fotografare la Prato che verrà attraverso dati e numeri reali – spiega l’assessore ai servizi demografici Anna Lisa Nocentini – abbiamo già avviato una campagna di sensibilizzazione nei confronti degli stranieri al fine di informare al meglio circa le peculiarità di questo censimento, ma invitiamo ancora una volta le associazioni dei migranti e i loro rappresentanti a collaborare con noi per far capire ai loro connazionali che rispondere al questionario è obbligatorio e che i plichi non devono essere buttati nella spazzatura”. Lapidaria la dichiarazione dell’assessore Giorgio Silli: “Il censimento non è una scelta che si puo’ fare liberamente, nè tantomento un problema di integrazione sul quale si puo’ disquisire. Il censimento DEVE essere compilato e riportato in comune per legge senza se e senza ma. Purtroppo ancora una volta constato la non volontà di collaborare da parte di alcune etnie”. Il Comune di Prato ricorda che fino al 9 ottobre non si potrà compilare il test, ma fino a quella data ci si potrà rivolgere al Centro di raccolta, in via Santa Caterina, n° 13 , per avere informazioni o fissare un appuntamento per la compilazione. – Per appuntamenti ed informazioni sono disponibili anche un numero verde (800.301.650) e un servizio internet, nel sito www.comune.prato.it.  A partire dal 9 ottobre saranno a disposizione, in via Santa Caterina, n° 17 , fino a 16 sportelli (dietro appuntamento) per l’aiuto nella compilazione dei questionari, con orario 8.00-18.00.  Il questionario può essere compilato via web all’indirizzo http://censimentopopolazione.istat.it/, partecipando così al concorso di estrazione settimanale di un iPod per sette settimane; oppure in via cartacea e riconsegnato in via Santa Caterina, 17 o in un qualsiasi ufficio postale.

1 Commento

  1. ho presentato il questionario via telematica. Con il modulo compilato ero andata presso un ufficio postale, per consegnarlo. mi era stato risposto in maniera molto sgarbata da un’impiegata, che non lo potevo consegnare perchè non avevano ancora le ricevute. e dopo una fila di trenta persone, allo sportello. forse la gente non ha tempo da perdere. io sono venuta via e sono riuscita a inviarlo in via telematica. ma l’educazione del personale che è in forza presso lo Stato, sarebbe come minimo auspicabile, per non doversi trovare a vedere i questionari nei cassonetti. oppure no?oppure dopo essere stati trattati male, devono ricevere anche sanzioni?

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*