Inaugurata la nuova rotatoria al Poggetto, ora uscire dall’abitato è più facile

Operazione sicurezza sulla SR 66, all’altezza di Poggetto, grazie alla realizzazione della nuova rotatoria inaugurata stamattina dall’assessore regionale Vincenzo Ceccarelli, dal presidente della Provincia Matteo Biffoni e dal sindaco di Poggio a Caiano Marco Martini. “Siamo riusciti a chiudere solo un giorno e siamo molto soddisfatti – ha detto -. Non serve solo per l’intersezione con via del Bargo, ma anche per rendere più sicura la tracciabilità della regionale 66”.

L’opera è costata 173 mila euro, suddivisi fra Regione e Provincia di Prato. I lavori sono stati diretti dall’ingegner Antonio De Crescenzo, dirigente della Provincia e coordinati dall’ingegner Marco Ierpi, responsabile del settore viabilità della Regione. L’intervento si è concluso in quattro mesi e ha dato risposta a una domanda di sicurezza su un tratto di strada caratterizzato da traffico intenso. La rotonda porta una significativa riduzione della velocità dei veicoli provenienti da entrambe le direzioni e un complessivo miglioramento della qualità dell’area. E’ stato possibile anche salvare il cipresso storico simbolo del Poggetto, che si trova proprio nella rotatoria. L’intervento rientra nel piano della Regione Toscana per la messa in sicurezza delle strade regionali, provinciali, comunali e urbane. “Questo è il primo di una serie di interventi, a cui seguiranno la zona pedonale in corrispondenza del circolo Arci, sempre al Poggetto; via Lombarda, via Risorgimento e la via Carmignanese”, ha concluso il sindaco.

Commenti

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*