Incendio di Montemurlo: il tetto crollato era in amianto, la rabbia degli abitanti della palazzina evacuata VIDEO

Un incendio di vaste proporzioni ha distrutto ieri sera un capannone ospitante una ditta cinese che fabbrica divani in via Ombrone, nella zona industriale di Montemurlo. Il rogo, divampato verso le 19,30, ha sprigionato fiamme alte visibili da molto lontano. Sul posto sono giunte numerose squadre dei vigili del fuoco da Prato, Firenze e Pistoia. Fortunatamente non si registrano feriti. Ingenti, invece, i danni alla struttura, il cui tetto è crollato. Per precauzione gli abitanti di una palazzina vicina al capannone incendiato sono stati evacuati. Anche la struttura ha infatti subito danni. Le sei famiglie, sia italiane che cinesi, sono state costrette a passare la notte da parenti ed amici e sono rientrate nelle case temporaneamente solo questa mattina per poter prendere qualche effetto personale. Tra gli evacuati anche un bambino di 6 mesi ed un’anziana malata, costretta ad usare le bombole dell’ossigeno. All’intervento hanno partecipato anche numerosi volontari di varie associazioni. La strada è stata chiusa e le operazioni di spegnimento sono andate avanti per diverse ore. Sul posto è giunto anche il sindaco di Montemurlo Mauro Lorenzini. I vigili del fuoco stamattina si sono recati nuovamente in via Ombrone per terminare le operazioni di bonifica. Allertata anche l’Arpat. E’ stato infatti accertato che la copertura crollata conteneva amianto. Il capannone era già stato controllato e sequestrato due volte nel 2013. Ancora da chiarire le cause che hanno scatenato il rogo.

Ascolta le testimonianze di due persone evacuate


Commenti

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*