Left Lab lancia una rete di servizi per i cittadini in difficoltà con l’aiuto di ex dipendenti di Eurotintoria e altri professionisti

Si chiama rete della solidarietà. E’ il modo con cui Left Lab, come associazione di promozione sociale, cerca di dare una risposta concreta per aiutare i cittadini più deboli e in difficoltà nel risolvere i piccoli grandi problemi quotidiani. A dar loro manforte, in particolare in un progetto di solidarietà alimentare che ancora è in via di definizione ma che sarà rivolto a distribuire cibo a tutti coloro che non sono censiti dai servizi sociali, ci saranno anche ex lavoratori dell’Eurotintoria e rappresentanti della comunità Sinti.

Lo spazio Aut si aprirà dunque verso l’esterno e negli spazi di via Filippino verrà prima di tutto allestito un Caf in collaborazione con lo studio Giorgetti, i grado di occuparsi di tutte le problematiche e dei servizi fiscali. Poi ci sarà una università popolare, la Leftu, formata con l’intento di fornire spunti di riflessione e formazione e mettere in relazione le persone. Anche Interstudio è un progetto che rientra nella rete della solidarietà ed è pensato per diventare un utile punto di supporto per tutti gli studenti, fornendo ripetizioni gratuite, sala studio con wi-fi, sostegno all’orientamento in entrata e uscita dalle scuole superiori e nel passaggio dal biennio al triennio per gli istituti professionali. E poi ancora lo sportello infodiritti, per temi legati ai diritti civili di ognuno, in particolare testamento biologico e disabilità. E infine Avvoc-Aut, lo sportello legale pensato soprattutto per problemi connessi a sfratti, immigrazione, separazione, e divorzio, tutela delle categorie più deboli, in particolare donne e minori. “Vogliamo far sì che i cittadini più disagiati siano aiutati, ma che il nostro aiuto non sia solo una forma di assistenzialismo – commenta Diego Blasi, responsabile di Left Lab – Il nostro intento è quello di farli diventare attori protagonisti della loro vita e della vita sociale della città”.

Commenti

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*