Chiedono 300 euro per restituire l’IPhone rubato: arrestati i titolari di un bar

Hanno proposto il “cavallo di ritorno” ad un giovane di 22 anni promettendogli la restituzione del telefono rubato in cambio di 300 euro, ma sono finiti in manette. I due arrestati, entrambi cinesi, sono titolari di un noto bar di via Filzi. La vicenda comincia quando il 22enne, a seguito del furto del suo Iphone 6, viene contattato da due sconosciuti che gli prospettano la restituzione del telefono in cambio di 300 euro. Il giovane, però, si rivolge ai carabinieri, raccontando tutto. I militari accompagnano il giovane sul luogo convenuto per lo scambio, cogliendo in flagrante i due baristi, arrestandoli.

Commenti

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*