Un fiore alle neo mamme dell’ospedale di Prato. Tutte le iniziative in occasione della Giornata per la vita

Bulbi e primule per dire sì alla vita. In occasione della 39esima giornata nazionale per la vita, che quest’anno cade domenica 5 febbraio, il Movimento per la Vita e il Centro di Aiuto alla vita di Prato propongono iniziative per celebrare questa importante ricorrenza. La giornata è stata dedicata dalla Cei a Santa Teresa di Calcutta, che quando ricevette il premio Nobel per la Pace nel ’79 fece riferimento all’aborto, affermando che nessuna pace era raggiungibile se una madre arrivava ancora ad uccidere la vita che porta in grembo.
L’inizio ufficiale dei festeggiamenti avviene, come di consueto, sabato 4 febbraio con la santa messa delle 18 in Cattedrale, animata dal Movimento e dal Centro. Sempre sabato 4 durante l’ora di pranzo il Movimento, per la prima volta insieme ad alcuni rappresentanti dell’Asl Toscana Centro, distribuisce primule alle mamme del reparto di ostetricia e ginecologia, un piccolo omaggio per ringraziare le partorienti del dono della vita che hanno accolto o che stanno per accogliere. Il Centro di Aiuto alla vita, invece, sarà presente in più di 50 parrocchie della diocesi per tutta la giornata di domenica 5 per distribuire bulbi a offerta libera durante le funzioni. Ogni piccolo germoglio reca la scritta «Un fiore che sboccia per una vita che nasce»: il ricavato verrà destinato alle attività del Centro.

 
«Quest’anno – afferma Caterina Bandini, presidente del Movimento per la Vita di Prato – durante la celebrazione delle 10 di domenica 5 febbraio alla parrocchia di Gesù Divin Lavoratore, dove abbiamo sede, presentiamo due nuovi membri del Consiglio Direttivo: Paola Bonacchi e Almaz Agos Mare Afomia. In più, sempre domenica in parrocchia, alle 15 si svolge un concerto di cori bianchi pratesi dal titolo “La vita è un inno: cantalo”. Pensiamo sia un modo divertente e diverso per festeggiare la giornata nazionale per la vita. Una novità – aggiunge Bandini – è l’iniziativa, che proponiamo per la prima volta in assoluto, di sabato 25 marzo, in occasione della festa dell’Annunciazione. Tutte le neo mamme e le donne in attesa di un figlio sono invitate a ritrovarsi alla chiesa di Sant’Anna alle 15,30: dopo una passeggiata per le vie del centro in collaborazione con “We Walk Prato” , le partecipanti e i loro bambini faranno ritorno alla chiesa, dove riceveranno la benedizione del vicario generale mons. Nedo Mannucci».

 
Il 2017 è un anno importante anche per il Centro di Aiuto alla Vita di Prato, che festeggia i suoi primi 40 anni di vita. A ricordare questo anniversario, oltre al concorso rivolto alle scuole medie dal titolo «La vita è vita, difendila», anche l’arrivo a Prato di due genitori di Verona, che stanno girando l’Italia per raccontare a genitori e ragazzi la loro esperienza di vita e di amore. «Il mondo di Lucy – afferma Patrizia Benvenuti, presidente del Centro di Aiuto alla Vita di Prato – è un video concerto realizzato dai genitori di Lucy, una bambina affetta da Dandy Walker e sindrome di Down, due malattie genetiche. I genitori, pur sapendo che la loro figlia sarebbe nata con tali problematiche, hanno deciso di dire sì alla vita, e la loro esistenza ne è stata illuminata, tanto che hanno sentito la necessità di raccontare la loro esperienza a tutti coloro che hanno desiderio di ascoltarla. Anna, Gianluca e la piccola Lucy saranno a Prato domenica 26 marzo alle 15,30 alla Camera di Commercio di Prato. Vi sarà anche musica dal vivo. Al termine dell’incontro – conclude Benvenuti – premieremo i vincitori del concorso “La vita è vita, difendila”».

 

S.T.

Commenti

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*