Incendi boschivi, da domani scatta l’allerta: due mesi “caldi”

Nonostante le temperature in questi giorni si siano abbassate, da domani, 1 luglio e fino al 31 agosto, inizia il periodo critico per gli incendi. Saranno due mesi a tutti gli effetti e in tutti i sensi caldi e l’organizzazione regionale antincendi boschivi è corsa ai ripari. A supporto della sala operativa regionale aperta 7 giorni su 7, 24 ore al giorno, saranno attivi anche gli otto Centri Operativi provinciali, che saranno aperti tutti i giorni dalle 8 alle 20. I centri sono dislocati in tutto il territorio regionale, Prato è stata accorpata a Pistoia. Incrementato, di conseguenza, il numero di mezzi e uomini che saranno impiegati in questo periodo: sul nostro territorio saranno impiegati 23 mezzi per un totale di circa 100 volontari. In tutta la Regione saranno 600 i mezzi a disposizione, 4700 uomini tra operai forestali e volontari e 10 elicotteri.

Qualche numero, da gennaio a marzo sul territorio regionale si sono verificati 113 incendi boschivi – 6 dei quali nella provincia di Prato – che hanno bruciato oltre 170 ettari di terreno. Tra le zone più a rischio nella nostra provincia, la Calvana, il Monteferrato, la bassa Val di Bisenzio e il Montalbano. In tutto il 2016 sono stati 493 gli incendi boschivi in Toscana, 6 quelli registrati a Prato e provincia. L’anno peggiore, per il nostro territorio, dal 2007 al 2016, è stato il 2011 quando si sono verificati 27 incendi.

In caso di incendio i cittadini possono contattare il numero verde 800 425425 o la centrale di Prato e Pistoia al numero 0573 409003. Qualche accorgimento, si ricorda che dal 10 giugno è in vigore il divieto di abbruciamento, i trasgressori rischiano una multa di oltre 2000 euro con notizia di reato penale.

Commenti

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*