Musei aperti ma negozi chiusi, il Comune bacchetta i commercianti: «Non lasciamo la città sguarnita di servizi»

Il centro storico è «chiuso per ferie». Gran parte degli esercizi commerciali hanno le serrande abbassate nel mese di agosto mentre i musei, da Palazzo Pretorio al Pecci, sono aperti e stanno registrando un buon numero di presenze. A segnalare questa «discrepanza» è l’assessore comunale allo sviluppo economico Daniela Toccafondi, che auspica una maggiore collaborazione con le categorie economiche: “serve una programmazione delle ferie, così da non trovarsi una città sguarnita di servizi”.

“Prato sta cambiando sotto il profilo dell’offerta culturale e delle attività proposte durante tutta l’estate, da giugno fino a settembre inclusi – sottolinea Toccafondi –. Insieme a una continua attività di marketing territoriale e a una promozione della città anche a livello internazionale, questo porta a risultati concreti, come l’arrivo dei turisti anche nel periodo di agosto. Sia per i turisti sia per i pratesi che in agosto sono in città resta però la difficoltà di trovare attività commerciali aperte, soprattutto in centro storico”.

Tale necessità è stata fatta presente anche negli anni passati e per questo l’Amministrazione incontrerà i rappresentanti di commercianti ed esercenti: “Lavoriamo bene e con la massima collaborazione su diversi fronti, adesso dobbiamo trovare una soluzione condivisa anche sulla calendarizzazione delle chiusure – invita l’assessore Toccafondi -. Le aperture dei negozi non dipendono in alcun modo dall’amministrazione comunale, che invece anche per quest’anno ha organizzato eventi della Prato Estate anche durante il mese di agosto e garantisce l’apertura dei musei. Credo che una riflessione sulle aperture giova a tutti, visti anche i risultati per chi è rimasto aperto”.

1 Commento

  1. E’ meglio che il comune stia molto zitto, visto che la Biblioteca un servizio pubblico è chiusa per ferie.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*