Il Tar respinge il ricorso dei Cavalieri: il campo Chersoni verso l’affidamento a Rugby Iolo e Polisportiva Aurora

Il Tar della Toscana ha rigettato la domanda cautelare di sospensione dell’affidamento del Campo Chersoni al Rugby Iolo e Polisportiva Autora, risultati vincitori del bando di gara pubblicato dal Comune, proprietario degli impianti.
L’istanza cautelare era stata presentata dall’altro soggetto partecipante alla gara, che ha attualmente in uso i campi: i Cavalieri Union Rugby Prato Sesto. I giudici amministrativi, nella sentenza, scrivono che ad un primo esame non sussistono sproporzioni in ordine all’attribuzione dei punteggi, né profili di illogicità nelle scelte della commissione di gara.
Il giudizio di merito sarà emesso a gennaio, ma nel frattempo il comune dovrebbe procedere con l’affidamento al nuovo gestore, che si dice pronto a dialogare con altre società per trovare un accordo sull’utilizzo degli spazi. La gara prevede la gestione per cinque anni, rinnovabili per altri 5 degli impianti sportivi del Chersoni, in particolare il campo da rugby principale, il sussidiario, l’area palestra, la palazzina dei servizi e il campo di allenamento da calcio.

“Abbiamo partecipato alla gara perchè avevamo bisogno di uno spazio visto che il campo su cui siamo adesso, il Memorino Messoli, è in via di dismissione – spiega Saverio Trechas, presidente del Rugby Iolo che conta oltre 100 tesserati -. Sull’impianto abbiamo un progetto sportivo che ha anche una valenza sociale e ci teniamo a sottolineare che per noi il Chersoni rimane un patrimonio della città, a disposizione di chiunque pratichi rugby e faccia sport. Non siamo mai stati contattati da nessuno, ma siamo disponibili a confrontarci con altri soggetti per trovare accordi sull’utilizzo degli spazi”.

Commenti

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*