Solenghi incanta il pubblico con il suo Decameron: sold out in Sala Banti VIDEO

Può un testo della letteratura italiana del Trecento trascinare e far ridere il pubblico come un testo contemporaneo? A guardare l’affluenza di spettatori al Teatro della Sala Banti e a sentirne le risate, la risposta pare essere proprio di sì. Tullio Solenghi con il suo Decameron ha restituito la lingua originale di Giovanni Boccaccio rendendola accessibile e comprensibile. Uno spettacolo colto e divertente che ha portato in scena la lettura interpretata di sei novelle, tra queste le celebri – anche per ricordi scolastici – Chichibio e la gru e Federigo degli Alberighi. Solenghi ha fatto ridere ma anche riflettere, leggendo in maniera magistrale novelle che hanno per protagoniste donne dall’ingegno e dalla battuta pronta, come quella di Peronella e quella di Madonna Filippa, peraltro ambientata a Prato.

Ascolta alcuni passi del Deacameron letti da Tullio Solenghi durante lo spettacolo

“Uno spettacolo da tutto esaurito – commenta l’assessore alla Cultura del comune di Montemurlo Giuseppe Forastiero -. Solenghi rappresenta la comicità italiana e per noi è un onore averlo qui. La Sala Banti è ormai diventato un vero e proprio teatro: ci vorrebbe un po’ più di spazio! I 204 posti attualmente disponibili non bastano più”.

LS

Commenti

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*