Peretola, Biffoni replica a Giani: “Da quando è un tecnico? Metta lo stesso impegno su Case Passerini”

Il presidente del Consiglio regionale Eugenio Giani “dovrebbe innanzitutto portare rispetto istituzionale per le scelte del Comune di Prato e poi dovrebbe meravigliarsi della posizione della Regione, non della mia”.
Così il sindaco di Prato Matteo Biffoni replica alle dichiarazioni di Giani che si è detto “meravigliato e amareggiato” per la decisione del Comune di Prato di studiare la possibilità del ricorso al Tar contro il progetto di ampliamento dell’aeroporto di Peretola (leggi l’articolo). “Da quando Giani è anche un tecnico?” si chiede Biffoni in una nota.
“Ho sempre creduto che la politica non si faccia nei tribunali e il ricorso al Tar nasce dall’impossibilità che tutti i Comuni della Piana hanno trovato nell’essere rappresentati al tavolo dell’Osservatorio sulla Via nazionale – sottolinea Biffoni -. E’ stato proprio nel corso di una riunione politica tra tutti i territori interessati che la Regione si era fatta carico di questa nostra richiesta, ma ad oggi nessun Comune tra quelli preoccupati per l’impatto del progetto di ampliamento potrà far parte dell’Osservatorio”.

“La politica del no – aggiunge il sindaco – non mi appartiene. Non sono mai stato né mai sarò contrario alle infrastrutture in genere e le scelte fatte dalla mia Amministrazione sono lì a rappresentare questa convinzione. Per quanto riguarda Peretola vorrei ricordare a Giani che sin dalla campagna elettorale mi sono impegnato per i miei cittadini nel voler avere garanzie sull’impatto ambientale e sulla salute del territorio a fronte di un progetto di ampliamento per cui anche i tecnici del ministero chiedono interventi per evitare ripercussioni su Prato, come si evince dalle stesse prescrizioni alla Via. Giani è convinto del contrario, ma non mi risulta sia un tecnico”. “E’ evidente – aggiunge – che il nostro territorio e tutta la Toscana hanno un’altra urgenza in questo momento e si chiama gestione dei rifiuti. Non mi interessa se sarà un termovalorizzatore, un biodigestore o altro, so soltanto che oggi doveva essere già in funzione un impianto a Case Passerini che, a mio modo di vedere, è fondamentale per il nostro sistema economico e per le nostre imprese. Mi auguro che il presidente Giani metta lo stesso impegno, che fino ad ora non ho colto, per risolvere questo problema oltremodo urgente”.

1 Commento

  1. Sindaco non fare il ganzo…fino a ieri non ne volevi neanche sapere….SPARISCE Renzi e ora tutti a contro l.areoporto!!!! Ridicolo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*