Il Comune di Prato inserirà il Daspo nel regolamento di polizia urbana: ampie aree della città “proibite” a pregiudicati

Il Comune di Prato sta lavorando per inserire il Daspo nel nuovo regolamento di polizia urbana. Un provvedimento che renderà “strutturale” ed estenderà ad altre zone della città l’ordinanza del prefetto Rosalba Scialla che dal prossimo 23 aprile, per sei mesi, dispone l’allontanamento da determinate aree di Prato di soggetti già denunciati per spaccio, violenza e danneggiamento di beni pubblici. Le zone dichiarate dal prefetto “off limits” ai pregiudicati sono i giardini davanti alla Stazione centrale, le strade comprese tra la Stazione del Serraglio e Piazza Duomo, le piste ciclabili Coppi e Bartali (compresa la Passerella e i giardini vicini alla scuola d’infanzia Il Campino), il parco dell’ex Ippodromo. Qualora le forze dell’ordine dovessero trovare in queste aree persone già denunciate in passato per spaccio, violenza e danneggiamento di beni pubblici, potranno allontanarle. Stessa sorte per chi si troverà in compagnia di questi soggetti. I trasgressori all’ordine di allontanamento verranno denunciati.

Il “daspo urbano” verrà poi inserito nel nuovo regolamento di polizia urbana che dovrà passare in consiglio comunale nelle prossime settimane. L’amministrazione ha dato mandato alla polizia municipale di studiare le aree più critiche, interessate da fatti di cronaca legati a spaccio e microcriminalità, nelle quali i comportamenti di pregiudicati possono impedire la normale fruibilità dei luoghi agli altri cittadini.
Saranno inserite tra le aree soggette a Daspo le stazioni ferroviarie (compresa Borgonuovo), le piste ciclabili, piazza Duomo e le strade intorno al Serraglio, viale Vittorio Veneto, viale Montegrappa e numerose aree verdi della città.

Di seguito l’intervista al sindaco Matteo Biffoni

1 Commento

  1. sindaco biffoni,lei da un po’ di tempo sta’ diciamo sbandando un po’ a destra e un po’a sinistra senza riuscire piu’ ad avere un direzione ben precisa da prendere.e’ mai possibile che un cittadino senza precedenti penali che magari sta’ tranquillamente parlando a i giardini dell’ippodromo o vicino alla stazione del serraglio con una persona a sua insaputa con precedenti di polizia venga allontanato come un delinquente ? lei sig.sindaco biffoni ha letteralmente perso la bussola.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*