Maxi-operazione della Finanza: sequestrati oltre 3mila prodotti. In corso due ispezioni antiriciclaggio nei money transfer

Oltre 3mila prodotti sequestrati, perché violavano le norme del codice del consumo, e due ispezioni antiriciclaggio approfondite condotte in attività di money transfer, che hanno permesso di sequestrare apparecchi e documenti di un operatore del settore. E’ il primo bilancio dell’operazione “Financial Economic Control”, messa in campo dalla Guardia di Finanza di Prato nelle giornate di mercoledì scorso e di ieri, e che ha visto impegnati circa 100 militari nel contrasto a riciclaggio, lavoro nero, immigrazione clandestina, contraffazione e spaccio di sostanze stupefacenti.

Gli interventi delle fiamme gialle pratesi si sono concentrati soprattutto nella zona del Macrolotto 0 e 1, con controlli in aziende, esercizi commerciali e, appunto, money transfer, nella maggior parte dei casi condotti da stranieri. Nelle ditte e negli esercizi commerciali sono stati individuati numerosi lavoratori irregolari, molti dei quali clandestini sul territorio nazionale. Gli accessi nei money transfer, con l’ausilio dei cani “annusa banconote”, hanno dato riscontro alle ipotesi investigative: sono in corso, in particolare, due ispezioni antiriciclaggio approfondite e sono stati acquisiti elementi utili per ricostruire movimentazioni transfrontaliere di denaro.

In totale, sono state identificate circa 150 persone, in prevalenza di etnia cinese, e controllati svariati automezzi. L’operazione è poi proseguita con un servizio di lotta allo spaccio di droga nelle stesse zone e nelle ore serali. “Financial Economic Control” ha permesso di acquisire una mole consistente di informazioni che saranno sviluppate nei prossimi mesi e messe a disposizione e a supporto delle operazioni di indagine già in corso.

Commenti

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*