Blitz anti parcheggiatori abusivi in piazza Mercatale di Fratelli d’Italia

Il gruppo giovanile di Fratelli d’Italia, insieme ad esponenti locali del partito, ieri sera ha effettuato un sopralluogo in Piazza Mercatale per contrastare il fenomeno dei parcheggiatori abusivi: “Indossavano una semplice pettorina con il simbolo di Fratelli d’Italia, ma al nostro arrivo gli abusivi sono immediatamente scappati – ha detto Alberto Gandolfi, esponente del Gioventù Nazionale Prato – Abbiamo messo in atto una presenza organizza insieme ad alcuni ragazzi più grandi, per dimostrare almeno per una sera che il problema dei parcheggiatori abusivi, può essere controllato e arginato semplicemente con la presenza sul territorio di cittadini con una casacca.
Abbiamo chiesto alla persone in piazza, che cosa ne pensavano di questa situazione e nel 90% dei casi si sono lamentati che il problema è diventanto insostenibile e in alcuni casi pericoloso. Le persone hanno paura a lasciare le macchine e non si sentono sicure se non danno qualche spicciolo a questi soggetti. Una soluzione per risolvere il problema potrebbe essere quella di ripristinare da parte dell’ente gestore, una vigilanza fissa (come il casottino presente negli anni passati nella piazza) sul parcheggio magari anche con l’ausilio delle associaizoni in congedo delle Forze dell’Ordine sopratutto nelle ore più critiche della giornata”.

A stretto giro di posta è arrivata la replica dei Giovani Democratici.
“Siamo alla politica delle dirette improvvisate su Facebook e questo purtroppo non porta proposte nè soluzioni. A scegliere questa formula, di venerdì sera in piazza Mercatale, sono stati gli esponenti di un partito di destra: a loro vorremmo ricordare che la politica ha il compito di promuovere la legalità tramite gli opportuni strumenti di controllo e con un serio e instancabile lavoro sull’inclusione e sulla lotta alle disuguaglianze. Mentre loro fanno queste comparsate, noi abbiamo fatto votare il primo Osservatorio per la legalità e l’inclusione a Prato; mentre loro parlano sempre e solo a favore di telecamera, noi dietro le quinte ascoltiamo le esigenze delle parti sociali per formulare proposte. Se ci risparmiassero questi teatrini polemici e inutili, avrebbero più tempo per fare delle proposte”.

1 Commento

  1. Mi sa che il serio e instancabile lavoro sull’inclusione, così come è stato portato avanti negli ultimi anni, INCLUDA più che altro il dover pagare qualche spicciolo a questi per non avere la macchina graffiata..

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*