Centri di rimpatrio, Milone stuzzica Biffoni: “Come mai solo ora si trasforma in leghista?”

Il capogruppo di Prato libera e sicura Aldo Milone interviene su sicurezza e immigrazione, non risparmiando critiche al sindaco:
“È paradossale la critica che Biffoni muove al neo Ministro dell’Interno Salvini sui centri di rimpatrio. Biffoni, che ricopre da alcuni anni la carica di responsabile del dipartimento Immigrazione del Pd, responsabile del dipartimento Immigrazione dell’Anci nazionale, accusa Salvini di essere giunto in ritardo sui centri di rimpatrio. Forse sarebbe il caso di rammentare a Biffoni che il governo a guida Pd si è guardato bene dal costruire questi centri. Lo stesso Biffoni appena accennò a quest’ipotesi, il suo ex compagno di partito, Rossi, lo fece rimbalzare. Ma come mai solo adesso Biffoni si trasforma in leghista? Fino a qualche anno fa chi parlava di rispetto delle leggi o di tolleranza zero nei confronti di chi le violava, si veniva tacciati, in senso ironico, di voler fare lo sceriffo o, peggio ancora, di essere un razzista. Le elezioni del 4 marzo e quelle regionali successive, hanno fatto cambiare completamente opinione sui temi riguardanti la sicurezza” conclude Milone.

3 Commenti

  1. Come sempre Milone perde l’occasione per stare zitto: il rispetto delle leggi è sempre stato auspicato da tutti, uno veniva tacciato di sceriffo quando proponeva soluzioni da poliziotto di quartiere a problemi che hanno un respiro ed una genesi mondiale. Non c’è modo di fare opposizione con argomentazioni un po piu’ serie e non con chiacchere da bar?

  2. egregio signore, continui a pisolare invece di dire stupidaggini in stile martina,rossi e soci!

  3. Luana le argomentazioni di Martina, Rossi e soci sono di basso profilo, son d’accordo con lei ( tra l’altro con il mio commento non hanno nulla a che vedere) ma diventano di una profondita’ incommensurabile se si comparano con quelle di qualche politico emergente e se si rapportano con i commenti sullo stile del nostro capogruppo di Prato libera e sicura.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*