Pieraccioni: “Ecco perchè ho scelto Prato. Ceccherini? Minaccia di venirci a trovare sul set, ma abbiamo i cecchini di Trump” VIDEO

Seconda giornata di riprese per il film “Se son rose” di Leonardo Pieraccioni. Al Pin sono state girate nuove scene con lo stesso Pieraccioni, Alessandro Paci (nelle parti del bidello) e Gabriella Pession, la quale interpreta una professoressa di filosofia che viene avvicinata da Pieraccioni durante una lezione nell’aula magna.

Nell’intervista a Tv Prato, Leonardo Pieraccioni racconta la trama del film, la scelta di girare a Prato e il motivo per cui Ceccherini non si è visto sul set: “Minaccia di venirci a trovare, ma Trump ci ha prestato i cecchini” ha scherzato il regista.


Tanti i giovani pratesi che anche oggi hanno fatto da comparsa, all’interno dell’edificio universitario. Stamani in piazza Ciardi è spuntata anche un’auto d’epoca: una Fiat 850 special del 1967, che sarà utilizzata in alcune delle prossime scene. Ma non è la macchina di Alessandro Paci…


Scritto da Leonardo Pieraccioni con Filippo Bologna ‘Se son rose’ uscirà nelle sale il 29 novembre. Tra domani e l’inizio della prossima settimana ci saranno altre location pratesi, tra cui un appartamento in piazza Mercatale, il tennis Club di via Firenze e il giardino Buonamici. Altre scene saranno girate a Borgo San Lorenzo, Scarperia, al Lago di Bilancino, e nella zona del Mugello, dove tra gli attori reciterà anche il pratese Francesco Ciampi, che negli scorsi mesi ha collaborato con la produzione nella scelta delle location pratesi.

Guarda l’intervista a Francesco Ciampi e a Alessandro Calosci, produttore della Filmotto.

 

Commenti

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*