Il “Lungobisenzio” ha avuto l’agibilità senza prescrizioni: il primo tassello per il ripescaggio in serie C del Prato c’è

Il Lungobisenzio ha superato l’esame di agibilità. La commissione di vigilanza ha concesso senza prescrizioni l’agibilità dello stadio di via Firenze. L’agibilità dello stadio, era il primo passo per richiedere il ripescaggio in serie C da parte della proprietà in pectore del Prato calcio facente capo alla famiglia Romano. Adesso la domanda di ripescaggio può essere effettuata e alla luce  del posto vacante lasciato dal Bassano ( fusione con il Vicenza) e dalla rinuncia del Mestre e dalle almeno cinque squadre in forte difficoltà e vicine a gettare la spugna,   ci sono altissime possibilità che venga accettata. Il responso ufficiale sul ripescaggio del Prato in serie C è previsto nei primi giorni del mese di agosto

2 Commenti

  1. A mio parere i 300.000 euro tarderanno ad arrivare alla stabilita (se arriveranno). In questo caso la Toccafondese può continuare a sopravvivere.

  2. Dunque al 23 luglio saranno versati i soldi per il ripescaggio dalla compagine canadese e relative garanzie. Se tutto procederà come previsto, Toccafondi vende ad emissari il Prato calcio dopo aver visto solo in cartolina il futuro e misterioso acquirente sbucato da oltreoceano. Non so voi ma a me il tutto mi sembra una tele novella raccontata sui media per addolcire la pillola della serie D.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*