Galleria della Stazione Centrale blindata nelle ore notturne: installati i nuovi cancelli per impedire bivacchi e dormitori

Galleria della Stazione Centrale blindata nelle ore notturne: Ferrovie ha provveduto in questi giorni a montare i cancelli che serviranno a impedire l’accesso alle persone durante la notte. A breve il nuovo sistema entrerà in funzione per ragioni di sicurezza, ordine pubblico e per contrastare il disagio sociale.

La galleria – che collega piazza della Stazione al parcheggio retrostante – è spesso utilizzata da senzatetto in cerca di un giaciglio per dormire o sbandati. Diverse anche le segnalazioni giunte al sindaco Matteo Biffoni che nei giorni scorsi ha incontrato Polfer e responsabili delle ronde notturne per fare il punto della situazione. La chiusura, gestita da Ferrovie probabilmente attraverso un servizio di vigilanza, scatterà dopo il passaggio dell’ultimo treno della sera mentre il tunnel verrà riaperto ogni mattina prima del primo transito dei treni. Come già accade per il Serraglio, le chiavi saranno date in dotazione anche alle forze dell’ordine locali per intervenire in casi di emergenza.

Con l’occasione il servizio di avvicinamento e aiuto offerto dalle ronde notturne verrà riconfigurato, in modo da presidiare maggiormente le zone intorno alla galleria e provare ad avvicinare le persone in difficoltà, specialmente con l’arrivo dell’inverno e il drastico calo delle temperature esterne. Il provvedimento di chiusura segue il divieto, scattato nel 2015, di accesso ai binari durante la notte: in quell’occasione furono installate barriere all’inizio delle scale per evitare bivacchi notturni e dormitori lungo i binari e all’interno delle salette di attesa.

Giulia Ghizzani

 

1 Commento

  1. Quando si arriva a chiudere un qualsiasi spazio pubblico,vuol dire che le istituzioni hanno perso la battaglia contro l’illegalità,usufruire di un parco,giardino,pubblico esercizio o qualsiasi spazio pubblico è un diritto di ogni cittadino,non devono essere chiusi,ma devono essere resi liberi dall’illegalità.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*