Quattro nuove EmoBilance a disposizione della Fratres: domenica la giornata di raccolta a Montemurlo. “Carenza di sangue 0 positivo e 0 negativo”

Quattro EmoBilance di ultima generazione, capaci di garantire la completa tracciabilità del processo di donazione del sangue, a tutela sia di chi dona che di chi riceve. Sono quelle fornite dall’Azienda Usl Toscana Centro al Gruppo Fratres della Provincia di Prato. Un passaggio che sancisce l’importanza del servizio svolto dalla Fratres sul territorio, d’ora in avanti equiparato – in termini tecnici e qualitativi – a quello svolto dal Centro trasfusionale dell’ospedale Santo Stefano e in linea con gli standard indicati dalla Regione Toscana.

I macchinari, del valore di oltre 3mila euro ciascuno, saranno smistati nei tre centri di raccolta provinciale (Prato, Poggio a Caiano e Montemurlo), in base alle esigenze delle varie sedi e alle iniziative programmate di volta in volta. “Si tratta di un apporto tecnico prezioso, frutto anche dell’impegno della nostra realtà – afferma il vicepresidente del Gruppo Fratres di Prato, Michele Boretti -. In media, ogni anno, a livello provinciale si rivolgono a noi più di duemila donatori grazie ai quali riusciamo a raccogliere sangue intero, plasma o multicomponent. Il nostro personale, medico e infermieristico, è inoltre preparato e qualificato”.

Sono più di venti le giornate di raccolta che il Gruppo Fratres ha organizzato quest’anno e altrettante saranno realizzate nel corso del 2019. La prima occasione per vedere in azione le EmoBilance sarà proprio questa domenica, 4 novembre, nei locali della Misericordia di Montemurlo, in via Contardi 13. Il servizio di donazione potrà essere effettuato dalle ore 7 alle ore 11: è consigliabile la prenotazione alla segreteria Fratres, al numero 0574-609730 oppure inviando un messaggio alla pagina Facebook “Fratres Prato”. “In questo momento registriamo una carenza di gruppi 0 positivo e 0 negativo – ribadisce il vicepresidente Boretti -. Ad ogni modo, invitiamo tutta la cittadinanza a fare un gesto semplice ma prezioso per gli altri e che talvolta permette persino di salvare la vita stessa delle persone”.

Commenti

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*