Al Centro Pecci arriva il “Bistrot/Cafè”: l’apertura in occasione dell’inaugurazione di due nuove mostre

In occasione dell’inaugurazione delle mostre “Soggetto Nomade” e “Aleksandra Mir.Triumph”, il Centro Pecci diventa più accogliente grazie all’apertura del “Bistrot/Cafè” del museo. Con orari collegati alle varie iniziative del Centro, il “Bistrot/Cafè” sarà gestito da PABA, società gestita da Elena Paci e dallo Chef Angiolo Barni. Si raddoppia così all’insegna di una proposta diversificata – una di fascia informale e familiare l’altra più gourmet e di alto profilo – l’offerta gastronomica del Centro Pecci, equiparandola a quella dei grandi musei internazionali. L’inaugurazione del “Bistrot/Cafè”, in programma giovedì 13 dicembre, segna un ulteriore passo per il recupero – voluto dalla nuova direttrice del Centro Pecci Cristiana Perrella – della funzione sociale, oltreché artistica e culturale, del Centro e che ha sempre fatto parte dell’identità del Pecci sin dalla sua fondazione. Basti pensare al teatro all’aperto restaurato e tornato operativo questa estate oppure la Sala 0, una Project Room che ospita attualmente la mostra di Mohamed Keita. Sempre con l’obiettivo di riattivare spazi e funzioni del Centro, per il prossimo anno è previsto anche il ripristino delle sale didattiche che  torneranno ad ospitare il programma educational. Prossimamente il Centro Pecci diventerà anche più digital con free WI-FI in tutte le sue aree.

Commenti

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*