È dedicato alla tragedia del Rigopiano il nuovo singolo della band pratese Keine Bananen VIDEO

A sei mesi dall’uscita del loro album di debutto, “Istantanee”, i Keine Bananen tornano con un nuovo singolo. La band pratese dallo stile punk rock – il cui nome “teutonico” è in realtà la traduzione del toscanissimo modo di dire “non ho più banane” – si era fatta conoscere nell’autunno 2017 con il brano tormentone “#Savethepanda”, dedicato all’auto cult degli anni ‘90 (la Fiat Panda appunto), accompagnato da un divertente video girato a Prato che aveva fatto collezionare al gruppo numerosi click in rete. Per il secondo singolo estratto dall’album, in uscita oggi, martedì 18 dicembre, alle 16, il tono dei quattro ragazzi pratesi (di nascita o d’adozione) – Roberto Petterlin alla voce e chitarra, Jacopo Acciaioli al basso, Nicola Pagliani alla batteria e David Saluzzi alla chitarra – si fa più serio. “Sassi di neve” – questo il titolo del brano – è infatti ispirato alla tragedia dell’albergo Rigopiano, travolto da una slavina il 18 gennaio 2017: sotto la neve, nell’hotel della località in provincia di Pescara, persero la vita 29 persone.

I Keine Bananen hanno voluto rendere omaggio a coloro che si sono spenti sotto la valanga del Rigopiano, provando a dar voce ai loro ultimi pensieri con una canzone surreale, dove i fantasmi di chi è andato già incontrano i vivi, come se questa tragedia possa rappresentare una porta tra il mondo reale e l’aldilà, in un ricongiungersi, seppur malinconico, di affetti.

«Un anno e 11 mesi dopo, il ricordo e l’angoscia della tragedia del Rigopiano sono ancora forti – spiega Nicola Pagliani, batterista della band e autore del testo di “Sassi di neve” –. Raccolsi quelle sensazioni la notte stessa del dramma, trasmigrandole in una canzone che voleva essere uno sguardo oltre il tangibile. Che si chiami fede, o più laicamente speranza, non ha importanza. Le persone che abbiamo amato in vita sono sempre dentro di noi, e verrà il momento del ricongiungimento, sotto forma dei ricordi. Sassi di neve, pesanti come il dolore, morbidi come una carezza».

Il brano, dal sapore ruvido e le sonorità potenti del rock alternativo, è accompagnato da un videoclip girato in uno scenario mozzafiato: quello delle cave di marmo delle Alpi Apuane. Il regista, il pratese Andrea Foligni (che già aveva firmato il video di “#Savethepanda”) ha cercato, nella purezza delle cave, di ricostruire quella di una neve che però non è più candida, perché “macchiata di sangue”. La pietra, con i suoi tagli decisi e duri, diventa metafora della vita, che inaspettatamente può essere scalfita e spaccarsi . «È un luogo che mi è venuto in mente subito ascoltando la canzone – racconta Foligni –, perché si sposa bene con il testo e si presta molto a livello scenografico. Le cave di marmo sono luoghi molto suggestivi, e mi hanno consentito, attraverso la scelta del bianco e nero, di concentrare l’attenzione sui volti e sul paesaggio, eliminando ogni elemento di distrazione». Per lasciare spazio alle emozioni e alla musica.

Il video di “Sassi di neve” è visibile sul canale Youtube dei Keine Bananen e sulla loro pagina Facebook. L’album “Istantanee” è invece disponibile alla Casa Musicale Niccoli in via dei Tintori a Prato oppure su Amazon, iTunes, Google PlayMusic e Spotify. Per festeggiare l’uscita del nuovo singolo, i Keine Bananen saranno inoltre sabato 22 dicembre sul palco del Capanno Black Out di via Genova: apriranno con il loro live il concerto del duo Cecco e Cipo. Per informazioni, keinebananen@gmail.com.

Commenti

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*