Alcol servito ai minorenni: blitz di “Striscia la notizia” in alcuni locali della città VIDEO

Niente alcol ai minorenni. A vietarlo è la legge che però non sempre viene rispettata, come dimostrato dal tg satirico “Striscia la notizia” che ha fatto tappa a Prato per documentare quanto avviene in alcuni locali della città. Il servizio dell’inviata Chiara Squaglia è stato trasmesso nella puntata di ieri, martedì 8 gennaio. La troupe del noto programma si è recata in tre locali avvalendosi di una telecamera nascosta e di una complice, che si è finta minorenne. In tutti e tre i casi la ragazza, che ha dichiarato esplicitamente di avere 17 anni, ha ricevuto senza problemi il bicchiere di limoncello ordinato. In uno dei tre locali il barman è ricorso ad un escamotage, facendo fare l’ordinazione a una ragazza maggiorenne. L’inviata di “Striscia” ha intervistato anche delle ragazzine in centro, le quali hanno confermato di non avere problemi a ordinare alcol in alcuni locali della città.

GUARDA IL VIDEO DI STRISCIA LA NOTIZIA

Sulla vicenda è interviene la Fipe-Confcommercio “La vendita di alcolici ai minori è un comportamento sbagliato oltre che pericoloso: esiste una legge che tutela i più giovani e chi non la rispetta deve assumersi le proprie responsabilità” afferma Simona Marinai, vice-presidente del Sindacato dei pubblici esercizi di Prato e titolare del locale Le Barrique. “Sebbene la televisioni rimandi spesso un’immagine parziale della realtà, quello che abbiamo visto è purtroppo evidente e non ammette giustificazioni. Come Associazione siamo sensibili al tema e siamo costantemente impegnati in azioni di sensibilizzazione che portino al totale rispetto delle regole da parte di tutti. È capitato in passato che ci siano state segnalate situazioni particolarmente difficoltose per le quali ci siamo immediatamente mossi insieme alle istituzioni. Anche questa volta non possiamo fare a meno che denunciare certi comportamenti che ledono non soltanto i minori ma anche l’immagine dei locali che operano correttamente e dell’intero centro storico” conclude Marinai.

Commenti

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*