Crowdfunding, la Fondazione Cassa di Risparmio lancia il corso di formazione per associazioni e istituzioni

Il crowdfunding non è solo un modo innovativo per cercare fondi da destinare a buone cause ma anche un’opportunità di dare più forza alle persone che, insieme, vogliono realizzare un progetto che è utile alla comunità di cui fanno parte. Proprio per questo la Fondazione Cassa di Risparmio di Prato ha promosso e affidato ad  Eppela, la prima piattaforma italiana di crowdfunding reward based, lo svolgimento di un corso di formazione rivolto ad associazioni e istituzioni non profit del territorio che elaborano progetti, sostenuti anche dalla stessa Fondazione, nei settori dell’istruzione e della formazione, della cultura e dei beni culturali, del volontariato e della solidarietà.
Crowdfunding il futuro si fa in tanti. È questo il titolo del corso che si terrà mercoledì 23 gennaio, dalle 14,30 alle 18,30, presso il Museo del Tessuto. L’invito della Fondazione Cassa di Risparmio è stato esteso a più di settanta soggetti.
“Vogliamo mettere a disposizione uno strumento in più per sostenere l’attività generosa di tante associazioni e istituzioni no profit – spiega Franco Bini, presidente della Fondazione Cassa di Risparmio – Rappresentano un patrimonio fondamentale per la coesione sociale e per lo sviluppo della nostra comunità e meritano molta attenzione, specialmente in questa fase di difficoltà anche sul fronte del reperimento di risorse”.
Al Museo del Tessuto gli esperti di Eppela
illustreranno il crowdfunding reward based e il suo utilizzo come sistema di raccolta finanziaria. Saranno presentati alcuni esempi pratici di crowdfunding, strategie e case history di successo. “ll crowdfunding è un modo innovativo per dare forza e sostenere i propri progetti – spiegano a Eppela – aiuta persone che hanno idee, e insieme a loro anche le associazioni e le istituzioni del terzo settore di cui queste persone fanno parte, a raggiungere il successo attraverso il web”.

 

Il crowdfunding reward based consiste nella raccolta di finanziamenti via internet per prodotti o servizi. Per attivare una campagna di crowdfunding occorre creare un progetto, condividerlo con il proprio network e promuoverlo sul web, con lo scopo di ottenere un contributo per la sua realizzazione.
La condivisione e la promozione sulla rete social permettono di autofinanziarsi. “Il progettista entra in contatto con utenti interessati, che si trasformano in una community di sostenitori – aggiungono a Eppela –  in questo modo chi condivide  un progetto può sostenerlo, ricevendo ricompense in cambio di un contributo e permettendo ad associazioni e realtà territoriali di raggiungere i loro obiettivi”. Attraverso la piattaforma Eppela i finanziatori ‘dal basso’ possono contribuire con piccole o grandi cifre ricevendo in cambio una ricompensa (reward) proporzionata all’offerta.

Commenti

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*