Orti cinesi, allarme per le sementi importate illegalmente. La Pietra: “Necessari controlli stringenti”

“E’ necessario porre la massima attenzione sugli orti cinesi e sul ciclo delle produzioni, dalla provenienza delle sementi fino alla commercializzazione dei prodotti. Il rischio è non solo sanitario ma anche legato ad uno stravolgimento della biodiversità delle nostre colture con conseguenze pesanti sulla qualità e sull’economia della filiera agricola”. Così il senatore di Fratelli d’Italia Patrizio La Pietra, membro della commissione permanente Agricoltura e agroalimentare, commenta l’ultimo controllo dei carabinieri della Forestale fatto a Prato nella giornata di ieri.

“Controlli vengono fatti ma serve una programmazione che garantisca un intervento a tappeto su tutti gli orti cinesi impiantati nelle campagne delle periferie pratesi – dice il senatore La Pietra – i semi importati illegalmente possono essere vettori di insetti e parassiti che distruggono le nostre coltivazioni creando danni per milioni di euro come sta accadendo con la xylella. Un rischio che la bilancia economica del settore agricolo non può assolutamente permettersi. I controlli devono incidere sui profili normativi ed ambientali, sulle modalità di coltivazione dei prodotti e sull’utilizzo di fertilizzanti. Dobbiamo fare in modo che vengano attivate tutte quelle leve che servono a escludere la presenza di elementi di pericolosità per la salute e per la tenuta della nostra filiera agricola”. Il senatore Patrizio La Pietra chiede con forza il rispetto delle regole anche nelle coltivazioni agricole cinesi.

1 Commento

  1. Ma guarda te che gente si manda in parlamento: per dimostrare che fanno qualcosa sollevano il problema dei semi dell’insalata. Ma delle piante di basilico o di ramerino piantate nelle vasche da bagno non gliene interessa a La Pietra.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*