Pronto soccorso, l’allarme di Pieri: “Situazione esplosiva, mancano letti e personale”

Rita Pieri

“Ringrazio la Cisl per aver riacceso i riflettori su quello che noi diciamo da anni. All’ospedale di Prato non solo mancano posti letto, ma anche personale medico, infermieristico e sanitario”. E’ proprio partendo dalle ultime segnalazioni lanciate a mezzo stampa dal sindacato, in concomitanza del boom di accessi al pronto soccorso, esploso prima del previsto picco influenzale, che Rita Pieri, capogruppo di Forza Italia in consiglio comunale, ha appena presentato un’interrogazione per chiedere lumi sulla situazione di emergenza del Santo Stefano direttamente all’assessore alla sanità, Luigi Biancalani. Le attenzioni del capogruppo di Forza Italia, insomma, non si concentrano solo sulla demolizione dell’ex Misericordia e Dolce.

“Purtroppo al Santo Stefano abbiamo medici, infermieri e operatori sanitari eccellenti, che però non sono messi nelle condizioni di esprimere al meglio le loro professionalità – insiste Pieri -. Ne è la dimostrazione, ad esempio, la gestione deficitaria delle sale operatorie del nuovo ospedale: quasi la metà di quelle esistenti non sono mai state aperte. Ma l’elenco dei problemi potrebbe proseguire per ore”. E infine: “Sono ormai quasi 5 anni che dai banchi dell’opposizione chiediamo spiegazioni. Sappiamo che non c’è responsabilità diretta dell’amministrazione per le vicende che riguardano il Santo Stefano – conclude il capogruppo di Forza Italia -. E’ innegabile, però, che esiste la responsabilità  politica, da parte di questa giunta, di essere nello stesso partito di chi ha creato questi grandi disagi nella sanità locale e, di conseguenza, ai cittadini. E’ arrivato il momento di avere finalmente delle risposte”

1 Commento

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*