Addizionale Irpef, Prato ha il prelievo minore in Toscana e tra i più bassi in Italia

Prato si conferma tra i capoluoghi italiani con il più basso tasso di addizionale Irpef, l’imposta sui redditi delle persone fisiche: a dirlo è la classifica pubblicata stamani da Il Sole 24 ore, che pone Prato al 97° posto tra le 110 province italiane con un valore di prelievo pro capite pari a 350,31 euro. Si tratta del valore più basso in Toscana – Firenze è all’86° posto con 381 euro, Livorno al 40° con 463 € e Siena al 21° con 526 € – mentre i primi tre posti sono occupati da Roma (770,96 euro), Milano (653,50) e Torino (638,19). «Da anni l’aliquota Irpef a Prato è ferma allo 0,5% – commenta l’assessore a Bilancio e Finanze Monia Faltoni – La scelta dell’Amministrazione comunale è stata infatti quella far gravare il meno possibile la tassazione sul reddito dei cittadini e non c’è alcun rischio di aumento».

Commenti

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*