Distributore h24 di piazza Duomo: ordinanza del sindaco ne obbliga la chiusura notturna

Obbligo di chiusura dalle 21 alle 7 del mattino per il distributore automatico in piazza Duomo, ad oggi aperto 24 ore su 24. L’ordinanza firmata dal sindaco Matteo Biffoni impone la chiusura notturna dell’esercizio dando sette giorni di tempo alla proprietà per ottemperare al provvedimento e installare dei cancelli che possano impedirne l’accesso in questa fascia oraria.
A motivare l’ordinanza le ricorrenti problematiche che nel corso degli anni si sono ripetute intorno a questa attività. Tante le richieste di intervento da parte dei residenti della zona, che si sono rivolti all’amministrazione comunale, ma anche a questura e prefettura denunciando “ricorrenti problematiche, con specifico riguardo alla fascia serale-notturna, dovute a bivacchi, rumori molesti, schiamazzi risse ed altri comportamenti che creano nocumento alla sicurezza urbana, provocati da persone stazionanti all’interno e nei pressi dell’esercizio commerciale”.
Una situazione riscontrata anche dai controlli della questura che ha segnalato come l’attività costituisse luogo di aggregazione specialmente nelle ore della tarda serata e notturne di numerosi cittadini con precedenti per gravi reati e in particolare per quelli attinenti allo spaccio di sostanze stupefacenti.
La comunicazione di avvio di procedimento per la riduzione dell’orario era già stata notificata alla proprietà lo scorso 24 gennaio, ma il legale rappresentante ha chiesto venti giorni di tempo per adeguare il locale così da poterlo chiudere in orario notturno. Una richiesta accolta solo parzialmente dall’amministrazione comunale, che ritiene necessario un intervento immediato. Dalla notifica dell’ordinanza, fatta questa mattina via pec, la proprietà ha una settimana di tempo per installare i cancelli che impediscano l’accesso in orario notturno.

1 Commento

  1. (A motivare l’ordinanza le ricorrenti problematiche che nel corso degli anni si sono ripetute intorno a questa attività). Ora si avvicinano le elezioni ed è l’ora di dire basta bravo Matteo!

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*