Giornata per la Vita, le iniziative a Prato e l’impegno per aiutare le mamme in difficoltà

«È vita, è futuro», è il tema scelto per la 41° Giornata per la vita celebrata in tutte le diocesi italiane domenica 3 febbraio. Anche a Prato si ricorda la ricorrenza con alcune iniziative messe in campo dalle due associazioni cattoliche che quotidianamente si impegnano su questa tematica: il Centro di Aiuto alla Vita e il Movimento per la Vita.
L’impegno del Centro di Aiuto alla Vita: nel 2018 ha aiutato 327 donne

Questa domenica le volontarie del Cav saranno presenti in 53 parrocchie pratesi per diffondere il messaggio della Cei per la giornata e per offrire primule e bulbi. Il ricavato servirà a sostenere le attività del Centro, tra queste Casa Aurora, un servizio nato nel 1996 per prendersi cura di tutte quelle donne senza lavoro, senza alloggio, abbandonate o perseguitate che si trovano a dover portare avanti da sole una gravidanza. In poco più di vent’anni sono state ospitate circa duecento mamme, di varia nazionalità con i rispettivi bambini.

Il Centro di Aiuta alla Vita è impegnato su questo fronte dal 1977, anno in cui nacque in Italia questa esperienza. A Prato il Centro si trova in via Dante e offre accoglienza e ascolto, un aiuto concreto, per il pagamento di utenze e affitti, e una assistenza di tipo psicologico e legale. Nel 2018 sono state aiutate 327 donne, tra queste 86 gestanti. «Alcune di loro non volevano portare avanti la gravidanza ma grazie al nostro sostegno hanno scelto di aprirsi alla vita», sottolinea la presidente. I bambini assistiti sono stati 303. Nella sede di via Dante sono state distribuiti indumenti, prodotti dell’infanzia e articoli come passeggini, biberon, carrozzine e lettini per un totale di circa 40mila pezzi.

 

 
Il Movimento per la Vita in ospedale per regalare un fiore alle neomamme

Mentre domani, sabato 2 febbraio, i membri del MpV rinnoveranno una tradizione molto apprezzata e attesa: durante l’ora di pranzo si recheranno all’ospedale Santo Stefano per regalare un fiore a tutte le neomamme per festeggiare così il loro sì alla vita. L’associazione ha sede presso la parrocchia di Gesù Divino Lavoratore con lo scopo di promuovere l’accoglienza e considera il diritto alla vita come prima espressione della dignità umana.

1 Commento

  1. Anche quest’anno noi volontari del Movimento per la Vita insieme al Centro d’Aiuto alla Vita siamo insime per festeggiare la Quarantunesima Giornata per la Vita e il programma è sempre lo stesso ovvero portare una Primula che sono le Piante che rappresentano la Vita Nascente al Reparto di Maternità presso l’Ospedale Santo Stefano e la sera alle 18:00 la celebraazione della Santa Messa presideuta dal Rettore del Seminario Vescovile Monsignor Daniele Scaccini. Durante la celebraazione della Messa è stato letto il Messaggio della Giovita dl seguente titolo: “E’ Vita, E’ Futuro”. Durante la lettura del messaggio ho compiuto un gesto simbolico che è stato quello di mettere una pinata dove riposa Monsignor Pietro Fiordelli nel cuore della Cattedrale. E’ stato Primo Vescovo Residenziale di Prato ma è stato un “Profeta della Famiglia” dai tempi del Concilio Ecumenico Vaticano II ed è stato merito suo la nascita del CAV il 6 Aprile 1977 all’indomani dell’entrata in vigore della 194 pper dare un’aiuto concreto alle donne afffinchè cerchino di non abortire e del MPV il 1 Dicembre 1987 volto a promuovere la cultura alla vita. Dal 1996 esiste “Casa Aurora” in Via Piistoiese che accoglie le donne che hanno difficoltà a portare avanti la lorogravidanza anche se quando fu inaugurata c’era il Vescovo Emerito Monsignor Gastone Simoni. Una cosa simile è Casa Agar presente dal 2016 anche se è gestita dalla Caritas Diocesana ma è di proprietà della Parrocchia di san Silvestro a Tobbiana e seppure operi diversamente dal CAV e dal MPV nei casi estremi di necessità ha accolto delle mamme che richiavano di abortire. L’aborto è uno dei mali peggiori della società percchè il figlio che una mamma tiene in grembo è frutto di un’amore fra i due coniugi ma è una creaura di Dio e non va eliminato o abbandonato fra i rifiuti dei cassonetti e dal 2012 sono nate le famose “Culle per la vita” per andare incontro a quei poveri bambini abbandonati dalle mamme per svariati motivi. Lo Stato deve attuare politiche volte alla famiglia e il mio appello va all’Onorevole Lorenzo Fonatana della Lega Nord che è MInistro della Famiglia del Governo Conte perchè tuteli ogni famiglia a rischio di povertà ma verso le future mamme per fare in modo che non abortiscono e ci tengo a precisare che dal 28 Gennaio 1992 esiste il Numero Verde SOS VITA che ti permete di raggiungere il CAV più vicino per non rimanere soli e qui mi ricollego al passo tratto dal Libro del Profeta Isaia quando dice: “Ecco io faccio una cosa nuovaa ovvero aprirò nel deserto una strada”. La strada di cui parla il profeta è la strada dell’amore e della vita e la Prima Lettera di San Paolo ai Corinzi ci ricorda quanto sia importante e grande il valore della Carità che è la chiave da cui fare partire ogni nostra azione perchè essa non costa niente ed ha grandi ricompense. Che questa Giovita lasi un forte segno nel core di tutti e visto che oggi è la festa della Candelor dove si ricorda la Presentazione al Tempio di Gesù che possa essere la vera Luce della Vita prendendo esempio dai suoi nonni Gioacchino e Anna che furono due Timorati di Dio sopratutto il vecchio Simeone che quando lo prende in braccio vede il suo futuro

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*