Confesercenti, Lassi: “Bene la diminuzione della Tari. La tassa resta comunque alta, ma apprezziamo questo primo passo”

Confesercenti Prato esprime soddisfazione per un atto del Comune di Prato che introduce una riduzione non indifferente per la Tari, sia per le famiglie sia per le attività economiche. “Sappiamo – sottolinea il presidente Mauro Lassi – che la tassa sui rifiuti è comunque alta. Occorre lavorare su più fronti ma intanto aver diminuito da subito le tariffe non può che essere un buon inizio anche se ci sarà altro lavoro da fare per completare l’opera. Intanto iniziamo da questo punto e poi andiamo avanti”.
Per l’associazione di via Pomeria l’obiettivo da perseguire è quello di arrivare non solo ad una più equa distribuzione delle tariffe tra domestico e non domestico e tra attività commerciali e non, ma soprattutto quello di trasformare la Tari, la tassa sui rifiuti, adeguando i costi al volume di rifiuti prodotti e non alle dimensioni degli immobili a cui si riferisce.
“È fondamentale seguire un percorso – continua Lassi – a sostegno delle piccole e medie imprese che hanno maggiormente sofferto la crisi economica. La tassa rifiuti Tari continua a rappresentare un peso insostenibile e spesso ingiustificato. Confesercenti Prato continuerà a chiedere un maggior impegno delle Istituzioni sui temi della rendicontazione obbligatoria dei proventi della Tari e dell’imposta di soggiorno, dell’istituzione di un tetto alla pressione fiscale complessiva nazionale e locale nonché di un tax credit per la salvaguardia dei negozi di vicinato”.

Commenti

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*