“Sopravvissuti”, a Poggio a Caiano una mostra fotografica racconta la seconda vita di chi ha subito infortuni sul lavoro FOTO

Sabato 23 marzo alle 12 sarà inaugurata nella sala Spadini alle Scuderie Medicee (via Lorenzo il Magnifico) la mostra fotografica “Sopravvissuti”, a cura dell’artista Mauro Moriconi, con il patrocinio del Comune di Poggio a Caiano e di Anmil.

Il progetto “Sopravvissuti” consiste in una serie fotografica di 10 opere, che racconta la storia di persone che – nonostante abbiano subito in modi diversi un trauma che li ha condotti a una condizione di mutilazione fisica – hanno avuto la forza e la tenacia di sopravvivere fisicamente e di rinascere nuovi nel loro approccio alla vita.

Testimonial della mostra, e ospite dell’inaugurazione alle Scuderie Medicee, Pasquale Padovano. Ex dipendente della Sea e unico superstite del disastro che l’8 ottobre del 2001 si consumò nell’aeroporto di Linate quando, in fase di decollo, un aereo privato si scontrò con un volo di linea della compagnia norvegese SAS provocando un devastante incendio dove persero la vita 118 persone.

“Gli scatti della serie – spiega nel dettaglio Moriconi – traggono forza dal contrasto tra gli scenari fatiscenti dello sfondo, vecchie strutture architettoniche ormai in disuso e abbandonate, e i protagonisti, rappresentati come eroi moderni. Gli ambienti decadenti, segnati dal tempo con i loro soffitti rovinati e le pareti decrepite, rappresentano lo sfondo drammatico delle sofferenze passate o presenti sul quale si stagliano le figure epiche dei “sopravvissuti” a nuova vita.”

“Come Assessorato alle Pari Opportunità e al Sociale abbiamo ritenuto importante porre l’attenzione su un tema così tristemente attuale: i decessi causati dagli infortuni sul lavoro sono stati 1135 solamente nel 2017, vale a dire che ogni giorno muoiono più di tre persone mentre sono impegnate nelle loro attività professionali – dichiara l’assessore Maria Teresa Federico – Riteniamo sia doveroso soffermarsi a riflettere su quanto la mancanza di accorgimenti e di tutele possa davvero cambiare la vita, e desideriamo farlo in una data significativa: abbiamo scelto il 23 marzo proprio perché in questa settimana (precisamente il 19) si celebra il ricordo della prima Giornata nazionale per le vittime degli incidenti sul lavoro”.
Bio di Mauro Moriconi

Mauro Moriconi nasce a Lucca nel 1980. Dopo aver concluso gli studi al liceo artistico di Lucca, si trasferisce a Firenze dove frequenta l’Accademia di Belle Arti. Dal 2003 al 2004 vive e lavora a Lisbona, dove continua gli studi accademici e organizza la sua prima mostra personale. Nel 2008 ottiene il riconoscimento dal Comune di Prato come miglior artista emergente. Nel 2011 inizia la sua collaborazione con la Galleria di arte Contemporanea Die Mauer di Prato, e nel 2013 viene selezionato per la fiera Internazionale di Fotografia a Milano Mia Fair, dove la sua serie fotografica Le Cirque ottiene l’attenzione della stampa. Nel 2015 viene selezionato dal Centro per l’arte contemporanea Luigi Pecci di Prato per la mostra TU35. Nel 2017 partecipa nuovamente alla fiera Internazionale di Fotografia a Milano Mia Fair con la serie Un-familiar e la sua rilettura in versione Polaroid. Nel 2017 FBML organizza la sua prima retrospettiva. Nel 2019 viene segnalato alla fiera di arte contemporanea Affordable Art Fair di Milano per l’utilizzo originale di un mix di arte e nuove tecnologie.

1 Commento

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*