Bonus bebè, borse di studio e assistenza fiscale: Banca Alta Toscana rinnova le iniziative a vantaggio dei soci

Bonus bebè, borse di studio e agevolazioni per i pensionati nell’assistenza fiscale. Banca Alta Toscana Credito Cooperativo ha rinnovato anche per l’anno in corso tre storiche iniziative che accompagnano le famiglie e i soci di ogni età.

Bonus Bebè – In un momento di grande gioia, ma anche di riflessione e di progetti per il futuro, come quello della nascita di un figlio, Banca Alta Toscana vuole essere vicina alle coppie con un piccolo, tangibile aiuto: il bonus bebè. Si tratta di un contributo di 300 euro riconosciuto ai soci per ciascun nuovo nato: 250 euro si potranno ritirare presso gli sportelli della Banca, mentre i restanti 50 euro sono destinati all’apertura di un fondo pensione. L’iniziativa, giunta alla undicesima edizione, è stata finanziata con 24.000 euro. Dal 2009 al 2018 sono stati distribuiti complessivamente 483 bonus bebè, per un totale di 192.800 euro.
Per ottenere il bonus bebè, è necessario presentare il modulo di domanda, corredato da certificato di nascita, entro 3 mesi dall’evento (ed entro il 31 gennaio 2020), anche via e-mail a soci@bat.bcc.it.

Borse di studio – È giunto invece alla ventiduesima edizione il bando per borse di studio promosso dall’istituto di credito con sede a Quarrata. Anche per il 2019, il concorso è rivolto ai figli di soci che nel corrente anno scolastico otterranno la licenza media e il diploma superiore con il massimo dei voti, e ai giovani soci che hanno conseguito o conseguiranno la laurea magistrale con la votazione di 110 o 110 e lode (il periodo di riferimento è quello compreso tra il 1° ottobre 2018 e il 30 settembre 2019).
Per premiare il merito scolastico, la Banca ha previsto nel complesso lo stanziamento di 26.000 euro per un totale di 56 borse di studio, così ripartite: 15 riconoscimenti da 200 euro per diplomi di licenza media, 20 borse di studio da 400 euro per i neo-diplomati, 20 premi da 700 euro per lauree universitarie magistrali. Una ulteriore borsa di studio, da 1.000 euro, è messa a bando per gli studenti che otterranno la laurea con il massimo dei voti presentando una tesi sul tema della cooperazione o sul credito cooperativo. Una parte dei premi sarà riconosciuta sotto forma di voucher per l’apertura di un fondo pensione (50 euro per i ragazzi delle scuole medie e per i neodiplomati e 100 euro per i neolaureati). Le domande dovranno pervenire alla Banca entro il 31 ottobre 2019. Come da tradizione, la consegna delle borse di studio e dei bonus bebè avverrà il primo sabato di dicembre nell’Auditorium Marcello “Cesare” Fabbri di Quarrata.

“Nelle ventuno precedenti edizioni, abbiamo premiato circa 820 ragazzi e distribuito borse di studio per oltre 700 mila euro. Sono cifre importanti che dimostrano l’attenzione che la nostra Banca ha sempre riservato ai soci e al territorio di riferimento – afferma il presidente di Banca Alta Toscana Giancarlo Gori -. Come istituto di credito cooperativo, siamo chiamati a contribuire allo sviluppo economico locale, ma sentiamo anche una responsabilità sociale, che decliniamo con iniziative come questa e come il bonus bebè, un piccolo incentivo alla natalità per le giovani famiglie”.

La campagna di assistenza fiscale – Con l’avvicinarsi dei termini per gli adempimenti fiscali, Banca Alta Toscana Credito Cooperativo ha riconfermato i contributi per la redazione della dichiarazione dei redditi Modello 730 presso l’ampia rete di Caf convenzionati e presso i professionisti abilitati del territorio. La campagna “Assistenza Fiscale 2019” prevede il rilascio di un voucher del valore di 35 euro più Iva ai soci pensionati della Banca, e il rilascio di un voucher del valore di 15 euro più Iva ai clienti titolari del conto corrente Chiaro e Sereno. Per ottenere il voucher, è possibile rivolgersi alla propria agenzia di riferimento.

Commenti

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*