Discariche abusive a Paperino, blitz di Forestale e Polizia Municipale. Trovati anche giacigli tra i rifiuti VIDEO

Maxi operazione contro le discariche abusive, a Paperino: all’alba Carabinieri della Forestale, Polizia Municipale e Provinciale, insieme ad Arpat e alle unità cinofile, hanno fatto irruzione in via del Pozzo, nell’area che circonda il cimitero della frazione.
La zona era finita da tempo nel mirino delle forze dell’ordine, anche a seguito delle continue segnalazioni dei residenti, che lamentavano la presenza di degrado, discariche a cielo aperto e cattive frequentazioni, di giorno come di notte. Su sollecitazione della Municipale, la procura ha monitorato la situazione e disposto la perquisizione interforze dei terreni: circa 20mila metri quadri di campi, riconducibili ad un unico proprietario, italiano e residente a Paperino. Impiegato nell’operazione anche un elicottero.

Durante il blitz, andato avanti fino al pomeriggio, sono stati rinvenuti veri e propri cumuli di rifiuti di tutti i tipi: urbani, speciali e pericolosi, oltre ad animali da cortile, come anatre, oche, galline e cani. Ma soprattutto è stata accertata la presenza di giacigli, utilizzati occasionalmente o stabilmente da diverse persone. La municipale ha identificato nello specifico una decina di soggetti, alcuni con precedenti ma nessuno clandestino. Restano quindi da ricostruire i rapporti tra queste persone e la proprietà e in che misura possano essere coinvolti o meno nell’abbandono illecito di rifiuti.
Intanto tutti i terreni sono stati sottoposti a sequestro mentre i campionamenti effettuati da Arpat, per verificare l’eventuale contaminazione del suolo e dei corsi d’acqua, saranno trasmessi all’autorità giudiziaria. Il proprietario dell’area è stato denunciato. Sequestrati infine due automezzi che, al momento dell’operazione, stavano accendendo alla zona per trasportare detriti ferrosi e rifiuti tessili ma che sono risultati privi delle necessarie autorizzazioni.

Commenti

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*