Furbetti con targa straniera, 7 veicoli sequestrati dalla finanza: multe per 5.000 euro

Sette veicoli sequestrati ai furbetti delle targhe straniere e multe complessive per 5.000 euro. Sono i risultati dei controlli della guardia di Finanza a pochi mesi dall’entrata in vigore del decreto sicurezza, che ha vietato ai residenti in Italia da più di 60 giorni di circolare con targa straniera. Le nuove norme mirano a contrastare il fenomeno dell’esterovestizione dei veicoli, spesso finalizzata a risparmiare su bollo, assicurazione, ad essere immuni al redditometro e ad eludere il pagamento delle multe: a Prato nel 2017 sono stati 4816 i verbali a veicoli con targa straniera, assai difficili da incassare.
Hanno pagato invece immediatamente gli automobilisti fermati dai finanzieri: si tratta, in prevalenza, di cittadini cinesi e dei paesi dell’Est che circolavano con targa estera, ma stabilmente residenti nel territorio pratese. Tra i veicoli fermati, ci sono autovetture di grossa cilindrata (fra cui Audi, Bmw, Mercedes, i cui valori di mercato sono superiori ai 100.000 euro) e furgoni, utilizzati da imprenditori orientali per la loro attività.


Per i trasgressori sono previste sanzioni di importo compreso tra 712 e 2.848 euro; fino a che il veicolo non è immatricolato con targa italiana o espatriato, è disposto anche il ritiro della carta di circolazione. Se poi entro 180 giorni non si provvede alla regolarizzazione, il veicolo viene confiscato.
L’utilizzo di un veicolo con targa estera è spesso un modo per nascondere una possidenza, offuscare la reale capacità economica di un soggetto e rendere, quindi, più difficoltoso il servizio dell’amministrazione finanziaria volto a far emergere le forme illecite di guadagno e di impiego di denaro. In questo quadro d’azione, si inseriscono i servizi svolti dai finanzieri del Gruppo di Prato che hanno dunque intensificato i controlli su strada. Negli ultimi tre mesi sono state elevate circa 120 contravvenzioni per un importo riscosso, ad oggi, di circa 25.000 euro di cui un numero cospicuo per mancata revisione dei veicoli, 9 per guida senza patente, 8 per circolazione con patenti di guida rilasciate da Stati esteri, 5 per mancata copertura assicurativa.

1 Commento

  1. Perché chiamarli furbetti? Questi sono solo dei parassiti e truffatori, e le sanzioni sono troppo lievi.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*