Antonio Longo lascia Energie per l’Italia e spara sulla Lega e su Spada: “Non appoggio il candidato di un partito che incita al rancore”

In piena campagna elettorale il consigliere comunale Antonio Longo lancia una bordata alla Lega e al candidato del centrodestra Daniele Spada: “Ho lottato affinché il centrodestra di Prato proponesse un candidato che avesse a cuore la propria città, che avesse un progetto concreto e moderato capace di guardare ai problemi quotidiani. Purtroppo qualcuno, non da Prato, ha scelto per Prato e per i pratesi. Qualcuno che crede che la Lega, forte di un “vento nazionale”, possa vincere così, senza confrontarsi con il dopo. Il problema non è vincere: è governare – dice Longo – Una zarina di Cascina e un funzionario leghista di Padova hanno imposto che a Prato corresse una destra a trazione leghista. Hanno deciso ancora una volta che fossimo la periferia di Firenze, e lo hanno fatto con l’imposizione di un candidato sindaco che non rappresenta se stesso, ma rappresenta la classe dirigente di un partito che incita al rancore. Hanno deciso altri, non pratesi.
Per queste ragioni, non posso schierarmi in una competizione elettorale con chi non ha a cuore la propria città, ma ha a cuore solo ed esclusivamente il risultato elettorale”. Longo ha infine annunciato di aver lasciato Energie per l’Italia

4 Commenti

  1. Caro Longo, il tuo punto di vista è condivisibilissimo da qualsiasi angolazione lo si guardi, credo che l’analisi che tu fai dei fatti, al di la di come uno la pensa, ti renda onore e ti qualifichi come politico con la P maiuscola degno di rappresentare la nostra citta’ per quanto è nelle tue possibilita’

  2. Beh certo qualcosa doveva pur dire. Io non mi sento rancorosa, ma arrabbiata si perché la nostra classe politica ha davvero svenduto l’Italia. Prato ormai è fuori controllo ed ha bisogno di una seria guida e di regole.

  3. E la guida seria ed in grado di ribaltare la situazione, cara Susanna, sarebbe Spada? Mah!

  4. Quale sarebbe la classe politica che ha svenduto il paese dovresti spiegarcelo, Susanna, visto che coloro che stanno svendendo il paese a Putin ed ad Orban sono al governo da nemmeno un anno e se sei arrabbiata con loro anch’io sono con te

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*