Protesta Si Cobas, lavoratori tentano di bloccare ingresso tintoria: 3 denunce

Due sindacalisti del Si Cobas, fra cui una donna, ed un cittadino pachistano sono stati denunciati dalla polizia che ieri è intervenuta in via Gestri per rimuovere un presidio sindacale, organizzato alla tintoria DL, azienda a conduzione cinese che ha come dipendenti numerosi cittadini di origine pachistana. Da giorni lavoratori e sindacato di base protestano “contro turni massacranti e pagamenti a nero” operati dall’azienda. Il presidio si è trasformato ieri nel tentativo di bloccare uno degli ingressi della tintoria dopo che la ditta, spiega Sì Cobas, “per la quarta volta non ha mostrato nessuna possibilità di apertura verso le istanze dei lavoratori”. Ai tre denunciati vengono contestati i reati di resistenza a pubblico ufficiale e inosservanza a ordine dell’autorità allo scioglimento della manifestazione non preavvisata. I due uomini devono rispondere anche di lesioni a pubblico ufficiale, in quanto tre poliziotti hanno riportato contusioni, con 5 giorni di prognosi ciascuno. Sì Cobas ha annunciato oggi un presidio di protesta in piazza del Comune a Prato.

1 Commento

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*