Prato, ecco le prime mosse per il futuro: confermato il direttore sportivo Califano, via l’allenatore De Petrillo

Il Prato è già ripartito con la programmazione del futuro. Il presidente Paolo Toccafondi ha già gettato le basi per dare l’assalto al prossimo campionato di serie D, nel quale la squadra biancazzurra cercherà di essere protagonista. Il primo tassello è stata la conferma del direttore sportivo Gianni Califano che anche la prossima stagione sarà chiamato a costruire la squadra. Secondo tassello, la conferma in blocco dei “giovani in quota” che in questa stagione sono risultati determinanti nel salto di qualità della squadra: Carli, Cecchi, Rozzi, Marini, Kouassi, Toccafondi, Bassano non si muoveranno da Prato nonostante le “lusinghe” del mercato. Per quanto riguarda i classe 2001, la prossima stagione obbligatori in quota, il Prato farà rientrare alla base Calosi, reduce dal brillante campionato con il Porta Romana, e promuoverà gli Juniores Nannini e Abdoune. Terzo tassello, la conferma  dei giocatori più esperti: Piroli, Sciannamè, Gargiulo, Tomi, Fofana e Surraco  saranno la spina dorsale della squadra della prossima stagione. Per quanto riguarda le partenze sicura quella del bomber Moreo a fine giugno si svincolerà e firmerà per una squadra di serie B (Cittadella ?) che poi lo girerà in prestito in serie C. Nei prossimi giorni il Prato ufficializzerà anche l’interruzione del rapporto con il tecnico Alessio De Petrillo. Le strade del tecnico pisano e della formazione biancazzurra si separeranno. Il Prato per la sostituzione di Alessio De Petrillo, sta valutando cinque profili di allenatori: la prima idea da sviluppare è quella legata a Massimiliano Alvini ex tecnico dell’Albinoleffe, obiettivo non semplice da raggiungere visto che ha molto mercato anche serie C. L’altra notizia importante riguardo il Prato è la decisione della società di valutare l’ipotesi di allestire la scuola calcio: sarebbe il primo passo per la ricostruzione del settore giovanile, ripartendo proprio dalle basi, vale a dire i più piccoli. Nelle prossime settimane avremo nuovi sviluppi

Commenti

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*