Il Consorzio Santa Trinita ci prova: “Pronti a organizzare un’edizione soft di Sant’Orsola e San Domenico”

Il Consorzio Santa Trinita non si tira indietro e manda un segnale di ripartenza dicendosi pronto a “rinnovare l’impegno per organizzare l’estate in San Domenico e in Sant’Orsola”. Le sollecitazioni, come spiegano dall’associazione, sono arrivate da più parti, in particolare dai ristoratori: “In tanti hanno chiesto di potere collaborare sia per l’allestimento degli spazi che per rinnovare l’organizzazione dell’Aperitivo Diffuso o PicnicBox, due modalità che rendono protagonisti proprio i ristoratori che gestiscono in proprio il cestino, consegnandolo col takeaway ai clienti”.

Da qui il Consorzio ha avviato un percorso condiviso con l’amministrazione comunale, assieme all’assessore Benedetta Squittieri, agli uffici della Diocesi e al delegato al centro storico Giacomo Sbolgi. Con loro si sono condivisi i passaggi per garantire l’organizzazione delle due aperture qualora ce ne siano i presupposti.

Il Consorzio sta seguendo l’evolversi della situazione per essere pronto nel caso in cui ci sia la possibilità di aprire questi spazi. L’obiettivo è quello di dare un’adeguata risposta nel completo rispetto delle regole, raccogliendo le istanze che provengono dal mondo della ristorazione e cercando di garantire al meglio il distanziamento sociale. “Se le manifestazioni si faranno – commenta il presidente Nuti – questi dovranno essere spazi dove recarsi in tutta sicurezza. Le aree interessate, infatti, permetterebbero la frequenza con modalità del tutto nuove e inedite rispetto alle passate edizioni sulle quali stiamo lavorando posto che l’ampiezza delle due aree consentirebbero l’ingresso mantenendo la distanza sociale in modo ben superiore da quella prevista ad oggi”.

Non saranno ovviamente iniziative di grandi numeri, né di grandi eventi: ma si concretizzeranno come un momento per stare insieme e passare una piacevole serata , riappropriandosi della città. “Da 5 anni come Consorzio stiamo accompagnando l’estate dei pratesi – aggiungono dal consorzio – Provvedendo a mettere a disposizione degli spazi da riqualificare, curandone il decoro, l’offerta culturale e ludica per i bambini nel centro storico”.

Oltre a San Domenico, che ha visto la partecipazione di 31 attività di ristorazione lo scorso anno, il consorzio sta già sistemando anche i Giardini di Sant’Orsola, di cui si occupano della gestione tutto l’anno, per le aperture serali e offrire alle attività di via Santa Trinita un’ulteriore attrattiva serale, oltre alla consueta pedonalizzazione della strada. “Cercheremo in ogni caso di assicurare l’apertura serale dei giardini di Sant’Orsola a vantaggio dei residenti e degli avventori del centro storico – concludono – Porre fiducia nel futuro ci riporta indietro nel tempo, all’organizzazione del primo “Insantorsola” che aveva come motto “Immaginando Sant’Orsola”. Ora siamo pronti a una nuova partenza”.

Commenti

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*