Musei, il Palazzo Pretorio ha riaperto al pubblico: mostra “Dopo Caravaggio” prorogata fino a gennaio

C’erano già alcuni visitatori in attesa quando questa mattina alle 10,30 il Museo di Palazzo Pretorio ha riaperto le porte, dopo la chiusura imposta dalle restrizioni del Coronavirus: sono stati l’assessore alla cultura Simone Mangani e la direttrice scientifica del Museo Rita Iacopino ad accogliere i primi visitatori. Nel corso della mattinata c’è stata anche la visita di una delegazione degli Amici dei Musei di Prato, che hanno scelto di essere presenti alla riapertura del Museo che “meglio rappresenta l’espressione dell’identità cittadina pratese”, come hanno sottolineato nel corso della visita.

La riapertura è stata possibile anche grazie all’impegno profuso per la predisposizione di un attento protocollo di sicurezza: all’entrata viene misurata la temperatura ad ogni visitatore, prima di provvedere all’igienizzazione delle mani. Sono stati creati percorsi di visita che permettono di mantenere le distanze e i visitatori sono invitati a rimanere ad un metro di distanza dalle opere. Proprio per ragioni di sicurezza non sarà però possibile accedere alla terrazza, che per il momento resterà chiusa.

Nel primo pomeriggio erano già una cinquantina i visitatori che non hanno voluto perdere l’occasione di visitare il Museo, che resterà ad accesso gratuito fino al 3 giugno. Sarà visitabile anche la mostra “Dopo Caravaggio”, grazie alla collaborazione con la Fondazione De Vito: la mostra è stata infatti prorogata al 6 gennaio 2021.

Il Museo resterà aperto con il consueto orario: ogni giorno dalle 10,30 alle 18,30, eccetto il martedì.

Commenti

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*