Caos al distretto sanitario Prato sud, computer in tilt: tutti in fila per le analisi e il cambio del medico VIDEO

Lunghe attese e computer in tilt: si presentava così, questa mattina, il distretto sanitario Prato sud. Il primo ad andare in default è stato il sistema operativo informatico che regola gli accessi per i prelievi del sangue e delle urine. Oggi fino alle ore 12 il presidio aveva l’accesso diretto e una decina di cittadini è stata costretta – dopo aver già fatto la fila – a tornarsene a casa con i campioni dell’urina in mano. Poi sono andati in tilt anche i computer degli uffici dove si svolgono le pratiche per il cambio medico e il rinnovo delle autocertificazioni sanitarie (che, peraltro, scade domani).  In questo caso il blocco informatico è andato a peggiorare una situazione già critica dal punto di vista del numero degli accessi. Ad ogni modo anche qui i cittadini, dopo aver già fatto la fila, hanno dovuto continuare ad attendere pazientemente per avere accesso agli uffici, sotto il sole e in piedi. Tra loro anche anziani di novant’anni con problemi di deambulazione e donne incinte. Proprio la nipote dell’anziano novantenne ha successivamente deciso di scrivere alla nostra redazione: “Ho chiesto se fosse possibile avere una sedia per far riposare mio nonno nell’attesa e ci è stato detto di no, non ne avevano. Oltretutto un uomo sulla settantina ha avuto un episodio di epistassi durante l’attesa in piedi, al caldo, che è stato aiutato dal personale soltanto quando la moglie ha chiesto di avere dell’acqua. Mi sembra scandaloso tutto ciò, non solo siamo obbligati ad aspettare ore per ricevere un servizio, ma ci viene negata anche la possibilità di stare seduti!!”.

L’Asl fa sapere che il blocco dei computer è stato risolto verso l’ora di pranzo e che le attività sono successivamente riprese.

 

Guarda il video con le immagini e le interviste ai cittadini:

 

 

LS

Commenti

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*