Torrente Furba, in corso i saggi per la realizzazione della passerella ciclopedonale

Sono partiti i saggi sull’argine del torrente Furba, dove sarà realizzata una passerella ciclopedonale di collegamento tra Poggetto (Poggio a Caiano) e Seano (Carmignano). Il progetto, che prevede la realizzazione del nuovo ponte nel 2021, si prospetta come uno snodo cruciale della rete delle ciclopiste della piana. Nel frattempo, stanno partendo i lavori per la realizzazione delle piste ciclabili che andranno a collegare i territori dei due Comuni proprio a questo ponte.

La prossima settimana sarà aperto il cantiere del Poggetto: una nuova ciclovia collegherà l’argine del torrente Furba con il campo sportivo, dal quale si dirama la pista già esistente che oltrepassa il parco del Bargo e sale fino al centro storico di Poggio a Caiano, da una parte, e procede verso il Ponte Manetti e l’area pratese dall’altra.
Sempre nel mese di luglio il Comune di Carmignano aprirà due cantieri: a Seano sarà realizzato l’ultimo lotto della pista ciclabile della Furba, che raggiungerà il punto dov’è prevista la passerella. In contemporanea, la rete di ciclabili sarà ampliata anche con la nuova pista dell’Ombrone a Comeana. Anche in questo caso il tracciato raggiunge il confine con il Comune di Poggio a Caiano.

“Stiamo facendo grandi passi avanti per rendere i Comuni Medicei un punto di raccordo fondamentale nella grande rete di ciclopiste della piana di Firenze, Prato e Pistoia”, commentano gli assessori all’ambiente dei due Comuni, Tommaso Bertini e Federico Migaldi. “Il nostro territorio ha bisogno di riscoprire una viabilità sostenibile, che si declina da un lato in una nuova visione della mobilità quotidiana di chi abita nella piana, dall’altro in un incentivo ad un turismo lento ed attento al territorio. Dopo l’inaugurazione del Ponte del Manetti, il progetto del Ponte alla Furba si prospetta come un nuovo snodo cruciale: in quest’area si incontrano le ciclovie, sia esistenti che in progettazione, che mettono in comunicazione Prato con Pistoia e Firenze”.

Commenti

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*