Allarme industria pratese, Silli: “Situazione non facile, ma non molliamo. Al lavoro per abbassare il prezzo dell’energia”

“I dati sul settore tessile forniti da Irpet e Cna sulla mole di lavoro persa durante la pandemia sono devastanti. Ce l’aspettavamo, perché il nostro è uno dei settori più vulnerabili. Ma possiamo farcela, dobbiamo fare di tutto per rialzare la testa”. Questo il commento del deputato pratese di ‘Cambiamo!’ Giorgio Silli, in riferimento alla diffusione dei dati che certificano il crollo della produzione industriale pratese nell’ultimo trimestre. “Da parte nostra – riprende Silli – stiamo lavorando instancabilmente per abbassare almeno il prezzo dell’energia, non solo con provvedimenti “una tantum”, con la speranza del Governo una volta tanto ci ascolti. Forse, in città, dovremmo cominciare a pensare a percorsi di accorpamento di aziende o formazione consorzi per meglio affrontare il mercato globale, oltre che per intercettare finanziamenti, in parte a fondo perduto, che le Istituzioni riservano a industrie di medie e grandi proporzioni per non perdere anelli fondamentali della filiera produttiva e quindi posti di lavoro”. Infine l’augurio di buon lavoro ai neo-eletti di Confindustria Toscana Nord Maurizio Sarti, Franco Bini, Francesco Marini, Raffaella Pinori, Marco Ranaldo, Roberto Rosati e Andrea Cavicchi: “Oltre ad essere persone che conosco bene sono amici da una vita. Sono certo che potranno fare bene. È necessario che collaboriamo tutti insieme per il futuro del nostro distretto”.

Commenti

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*