Il Covid non ferma i lavori del nuovo asilo nido a Morecci, la struttura arriva al tetto. A fine anno il completamento dell’edificio “a energia zero” FOTO

Sono giunti alla copertura del tetto e saranno completati entro fine anno i lavori di costruzione del nuovo asilo di Morecci, a Montemurlo. L’edificio, realizzato con le tecniche della bio-architettura, sarà a energia zero; esteso su 600 metri quadrati, ospiterà 60 bambini. L’avanzamento dei lavori è stato presentato stamani dal sindaco Simone Calamai, che ha effettuato un sopralluogo al cantiere.

L’asilo, costruito nel verde tra gli ulivi della zona collinare a due passi dal centro, proprio dietro la scuola primaria “Alberto Manzi”, rappresenta una delle azioni del Progetto Piu del nuovo centro cittadino. Nonostante il Covid, i lavori non si sono mai fermati del tutto. Nelle lunghe settimane del lockdown, il cantiere è stato chiuso, ma sono andate comunque avanti le lavorazioni delle pannellature in legno lamellare all’interno delle officine specializzate, che hanno consentito, con la riapertura delle attività, di montare velocemente tutta la struttura. L’asilo nido di Morecci infatti è un importante esempio di edificio in eco-materiali, realizzato con le tecniche della bio-architettura e in particolare con la tecnologia “platform” ( sistema costruttivo per case in legno nato in Nord Europa in cui ogni piano funge da piattaforma per i piani superiori). Nonostante lo stop forzato a causa del Coronavirus, la struttura dovrebbe essere completata entro la fine dell’anno, rispettando così la tabella di marcia iniziale.
I prossimi passi dei lavori, oltre all’ultimazione del tetto con un rivestimento in lamiera, vedranno il completamento degli impianti (idrico, riscaldamento, elettrico), la realizzazione degli intonaci, dei pavimenti e del cappotto termico esterno, il montaggio degli infissi, delle coperture e altre finiture.
Il costo dell’intervento è di 1,2 milioni di euro.


« L’asilo nido di Morecci è un tassello importante nei lavori di realizzazione del nuovo centro cittadino e anche in questi mesi così difficili per la salute pubblica, le lavorazioni non si sono mai fermate del tutto. – spiega il sindaco Simone Calamai – Sono felice perché a breve potremmo dare ai nostri bambini e alle famiglie montemurlesi un edificio moderno, eco-sostenibile, innovativo e confortevole. A Montemurlo erano quarant’anni che non veniva realizzata una nuova scuola e questo è un edifico ottimale sia da un punto di visto strutturale che pedagogico con spazi pensati per la psicomotricità, il gioco, i laboratori. Uno spazio inserito nel verde, dove per i bambini sarà bello imparare e diventare grandi».

Nel nuovo asilo verranno create tre sezioni e ogni aula avrà l’accesso diretto al giardino con una piattaforma in gomma colata per favorire il gioco all’aperto in piena sicurezza. Nella struttura è inoltre presente un locale cucina e due giardini d’inverno interni.
L’intero edificio, oltre ad essere completamente anti-sismico, sarà a energia zero, cioè con un consumo energetico quasi nullo grazie all’adozione di varie tecnologie come l’impianto fotovoltaico montato sul tetto della struttura, il riscaldamento a pavimento, l’isolamento termico. Saranno quindi realizzate tutte le urbanizzazioni esterne, la sistemazione del giardino e la realizzazione della recinzione. Al nuovo asilo nido si accederà attraverso un percorso ad anello da via Morecci e si uscirà percorrendo via di Palazzina. Di fianco al nuovo asilo sarà realizzato anche un parcheggio, che servirà per il personale di servizio della struttura e per le famiglie che accompagneranno i bambini all’asilo.

Nella foto in evidenza, con il caschetto senza mascherina da sinistra l’architetto Valentina Pulvirenti direttrice dei lavori, Ciro Pugliese e Pasquale Iacolare della ditta New Group di Michelino (Torino), il sindaco Simone Calamai e l’architetto Sara Tintori responsabile del procedimento.

Commenti

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*