Il Prato tessera il difensore Mastino dall’Olbia: in uscita Rozzi allo Scandicci e Toccafondi al Seravezza

Siamo ai dettagli. Il Prato è in fase di ultimazione della rosa in vista della prossima stagione. Ufficializzata l’iscrizione al campionato di serie D e la sede delle partite casalinghe al campo sportivo “A. Nelli” di Montemurlo, il presidente Paolo Toccafondi ha messo a segno un altro colpo di mercato tesserando il difensore classe 1999 Andrea Mastino prelevato dall’Olbia. Il difensore scuola Cagliari, nell’ultima stagione impegnato in serie C ha collezionato 17 presenze con la maglia dell’Olbia. Nelle stagioni precedenti, Mastino ha vestito la maglia del Gavorrano ( 32 presenze, 1 rete ) e del Real Forte Querceta ( 33 presenze, 1 rete). Ottimo difensore, può giocare sia esterno basso, che all’occorrenza anche centrale. Un rinforzo di qualità. Intanto la società biancazzurra sta ultimando anche due operazioni in uscita: l’attaccante Andrea Rozzi classe 1999 rientrato dal prestito all’Aglianese, è in procinto di accasarsi allo Scandicci, mentre il centrocampista Lapo Toccafondi, classe 1999, è vicino all’accordo con l’ambizioso Seravezza sempre nel campionato di serie D. In attesa della riapertura del mercato per definire le operazioni con il portiere Alex Nannelli classe 2002 con la Fiorentina e l’attaccante Davide Bertolini classe 2001 con l’Empoli, il Prato è sempre vigile sul mercato alla ricerca degli ultimi due “colpi” per completare la rosa: un centrocampista e una punta di “peso”. Arriveranno due giocatori con esperienza dalla categoria superiore: il presidente Paolo Toccafondi sta monitorando diversi profili. Gli arrivi di giocatori “esperti” potrebbero diventare tre, qualora il Prato decidesse di cedere il difensore Davide Bassano classe 1999 in serie C. Le offerte per l’ex Tau Calcio non mancano, ma il Prato sembra disposto a chiudere l’operazione in uscita solo quando avrà trovato una valida alternativa da integrare in rosa. Nei prossimi giorni sono attesi sviluppi.

1 Commento

  1. Ma si chiama Mastino di cognome o è un mastino come difensore? A questi punti abbiamo il Melandri, il Mastino. Ci manca altro che il Toccafondi dopo il Melandri ci compri il conte Mascetti e poi si puo’ partire . Alle supercazzole siamo abituati.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*