Scuole: lavori in corso per gli ampliamenti degli edifici e l’adeguamento degli spazi alle norme anti contagio

Da un lato i grandi cantieri di ampliamento degli edifici scolastici, come a Casale o a Cafaggio, dall’altra tanti interventi per adeguare le scuole alle nuove disposizioni anticontagio e poter così garantire il rientro in classe a settembre per tutti gli studenti pratesi. Ammontano a circa 800mila euro i lavori in corso a partire da questa settimana in in 27 edifici scolastici cittadini, con la finalità di adattare gli spazi già esistenti rendendoli più adatti alle esigenze di distanziamento interpersonale. Oltre ai nuovi arredi, che le scuole possono richiedere direttamente al ministero, sono previsti lavori di edilizia decisi dopo i sopralluoghi effettuati in tutte le scuole e gli incontri tra uffici tecnici, dirigenti scolastici e responsabili sicurezza dei plessi.
“Le opere oggetto di intervento riguardano l’adattamento funzionale di spazi e delle aule allo scopo di ritrovare ambienti idonei per la didattica in conseguenza dell’emergenza sanitaria da Covid-19 – spiega l’assessore alla Pubblica Istruzione Ilaria Santi -. Nello specifico le opere riguarderanno la realizzazione di murature in mattoni forati o cartongesso, demolizione di eventuali tramezzature, l’implementazione della dotazione impiantistica elettrica, nuove porte interne, tinteggiatura dei nuovi locali, nuovi camminamenti esterni per contingentare le entrate e le uscite dai plessi scolastici, revisione degli infissi esterni per garantire l’aerazione naturale dei locali. Insomma facciamo tutto quanto è possibile perché i bambini e ragazzi della nostra città tornino a scuola nel migliore dei modi”,
In alcuni casi i lavori riguarderanno anche opere speciali: alla scuola Tintori per esempio verrà realizzata una platea in cemento armato a supporto di due nuove aule, oltre ai servizi igienici. Alle scuole Iqbal, Pizzidimonte e Santa Gonda invece le opere oggetto di intervento riguarderanno per la maggior parte opere strutturali costituite dalla demolizione totale o parziale di tramezzi con l’inserimento di telai di cerchiaggio nei muri portanti, con la realizzazione di pannelli di cartongesso e relative opere di finitura.
Alla Cironi per la maggior parte saranno interventi di natura impiantistica necessari per la riorganizzazione delle reti cablate e delle lavagne luminose a seguito della diversa disposizione interna alle aule.
Gli altri edifici interessati da interventi di diversa tipologia saranno: Fermi, Meoni, Calvino, Puccini, Ciliani, Lippi, Toti per la circoscrizione nord; Dalla Chiesa e Malaparte per la circoscrizione est; D’Acquisto, Convenevole, Le Fonti, Collodi, Marcocci per la circoscrizione sud; Gandhi, Da Vinci, D’Amico, Rodari, Puddu, Mascagni per la circoscrizione ovest; Filzi-Mazzei  per la circoscrizione centro.

Commenti

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*