Arrestati un coltivatore di marijuana a Carmignano e due spacciatori di pasticche griffate «la casa di carta» VIDEO

Un italiano di quarant’anni che coltivava marijuana in un campo a Carmignano e due cinesi di 31 e 32 anni che spacciavano ecstasy e ketamina sono stati arrestati dai carabinieri del comando provinciale di Prato.
Le operazioni sono state condotte ieri, venerdì 28 agosto, e sono il risultato dell’intensificarsi delle attività antidroga compiute dai militari del nucleo investigativo nelle ultime settimane.

Il quarantenne arrestato a Carmignano è un uomo celibe e disoccupato che si trovava in regime di libertà vigilata ma questo non l’ha fatto desistere dal piantare e coltivare cannabis indica insieme a pomodori e fagioli in un terreno di sua proprietà. I movimenti dell’uomo erano seguiti da tempo dai carabinieri, che così non hanno avuto difficoltà a trovare il campo dove si trova la coltivazione, situato in una zona lontana dalle vie battute e difficilmente raggiungibile. Il quarantenne è stato trovato ieri mattina sul posto intento a lavorare con pala e vanga. Dopo una perquisizione i carabinieri sono riusciti a trovare in un vicino boschetto, una scatola nascosta tra il fogliame. All’interno c’erano oltre mezzo chilo di cannabis, bustine per il confezionamento delle dosi e 10 grammi di semi di marijuana, pronti per essere piantati.

 

sotto il video del sequestro della marijuana a Carmignano girato dai carabinieri

 

Anche i due cinesi erano attenzionati da tempo dai carabinieri, ai quali non era sfuggita l’assidua frequentazione di locali notturni dove solitamente si ritrovano giovani orientali. La coppia entrava e usciva con una frequenza sospetta, tale da esclude che i due non stessero semplicemente passando una serata in compagnia di amici. Dopo giorni di appostamenti i militari sono intervenuti fermando i due trentenni cinesi nella tarda serata di ieri in via del Confine. La coppia è stata sottoposta a perquisizione, estesa poi alle loro abitazioni, e così sono stati rinvenuti 150 grammi di ketamina suddivisa in dosi e 20 pasticche di ecstasy “griffate” con l’effige della maschera di Dalì e la scritta “la casa di carta”. Sequestrati anche 2000 euro in contanti, che gli investigatori hanno accertato essere frutto di attività di spaccio, e l’attrezzatura usata per il confezionamento della droga, che venduta al dettaglio avrebbe fruttato circa 8000 euro.

I tre arrestati saranno giudicati in giornata con rito per direttissima.

 

 

Commenti

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*