Cinque anni fa la morte di don Alessandro Cecchi. Castelnuovo lo ricorda con una messa in suffragio

Cinque anni fa moriva don Alessandro Cecchi, parroco di San Giorgio a Castelnuovo. Il sacerdote aveva 68 anni e ed era molto conosciuto e apprezzato in città. Aveva legato il suo nome e il suo ministero alla comunità di Emmaus, esperienza di accoglienza e condivisione fondata in Francia dall’Abbè Pierre e portata a Prato da don Cecchi alla fine degli anni ’70. Così, accanto alla chiesa di Castelnuovo, nacque il famoso mercatino dell’usato, frequentato da migliaia di persone. Quel mercatino è diventata l’occasione di riscatto per molti poveri e diseredati di ogni dove e la fonte di sostentamento della comunità. Una casa dalle porte sempre aperte, dove ognuno ha sempre potuto trovare accoglienza e amicizia.

Don Alessandro Cecchi sarà ricordato con una messa in suffragio celebrata domenica 30 agosto, anniversario della morte, alle ore 18 nel piazzale di fronte alla chiesa di Castelnuovo. Sarà il vescovo Giovanni Nerbini a presiedere la messa. Insieme alla comunità parrocchiale saranno presenti anche le varie realtà che hanno avuto don Alessandro come punto di riferimento, tra questi gli scout Agesci Prato 2 di Grignano.

Qui la storia di don Alessandro Cecchi.

Commenti

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*